REGIO DECRETO 23 dicembre 1877, n. 4251

Che approva nove elenchi di enti morali ecclesiastici soppressi e determina la rendita da iscriversi a favore del fondo per il culto. (077U4251)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 13/02/1878
vigente al 19/01/2022
  • Articoli
  • 1
  • 2
  • Allegati
Testo in vigore dal: 13-2-1878
attiva riferimenti normativi
 
                        VITTORIO EMANUELE II 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Visti la legge 7 luglio 1866, n. 3036, ed il  relativo  regolamento
approvato col Nostro decreto 21 luglio stesso anno, n. 3070; 
 
  Visti la legge 15 agosto 1867, n. 3848, ed il relativo  regolamento
approvato col Nostro decreto 22 agosto stesso anno, n. 3852; 
 
  Visti l'articolo 24 della legge 7  luglio  1868,  n.  4490,  e  gli
articoli 3 della legge 11 agosto 1870, n. 5784, ed uno  dell'allegato
N di quest'ultima legge; 
 
  Visti i Nostri decreti 6 gennaio 1867, n. 3546, e 17 febbraio 1870,
n. 5519; 
 
  Visti gli atti verbali di presa di possesso dei beni,  operata  per
gli  effetti  della  soppressione  degli  Enti  morali  ecclesiastici
indicati negli elenchi annessi al presente decreto; 
 
  Viste le liquidazioni della rendita dei beni  stabili  devoluti  al
Demanio, e di quella corrispondente alla tassa straordinaria  del  30
per cento sul patrimonio degli Enti morali ecclesiastici suddetti; 
 
  Sulla proposizione  dei  Ministri  delle  Finanze  e  di  Grazia  e
Giustizia e dei Culti, 
 
  Sentita  la   Commissione   centrale   di   sindacato,   instituita
dall'articolo 8 della suddetta legge 15 agosto 1867, 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                               Art. 1. 
 
  Le rendite liquidate pei beni stabili devoluti al Demanio e  quelle
corrispondenti alla tassa straordinaria del 30 per cento sull'intiero
patrimonio degli Enti morali ecclesiastici soppressi, indicati  negli
elenchi allegati A, B, C, D, E, F, G, H, I, controfirmati dai  Nostri
Ministri delle Finanze e di Grazia e Giustizia e dei Culti ed annessi
al presente decreto, sono rispettivamente accertate nelle somme annue
esposte nelle colonne 5 e 6 degli elenchi stessi. 
 
  Sono parimente accertate nelle  somme  esposte,  nella  colonna  10
degli anzidetti elenchi le rate di rendita pel  tempo  decorso  dalle
prese di possesso dei beni immobili, operate per  gli  effetti  della
conversione ordinata dalla legge 7 luglio 1866, fino al giorno in cui
entro' in vigore  la  legge  di  soppressione,  e  gia'  pagate  agli
investiti degli Enti morali  sul  fondo  costituito  dagli  interessi
della rendita inscritta al Demanio in esecuzione del  Nostro  decreto
17 febbraio 1870, n. 5519.