REGIO DECRETO 9 dicembre 1940, n. 1974

Attribuzione della denominazione «Pietro Lupo» alla borgata costruita nel comune di Mineo (Catania). (040U1974)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 01/03/1941
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 1-3-1941
attiva riferimenti normativi
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                      RE D'ITALIA E DI ALBANIA 
 
                        IMPERATORE D'ETIOPIA 
 
  Ritenuta l'opportunita' di attribuire alla  borgata  costruita,  in
attuazione  della  legge  2   gennaio   1940-XVIII,   n.   1,   sulla
colonizzazione del latifondo  siciliano,  nel  comune  di  Mineo,  in
provincia di  Catania,  una  denominazione  intesa  a  perpetuare  la
memoria del tenente Pietro Lupo, medaglia  d'oro,  caduto  in  Africa
Orientale Italiana; 
 
  Veduti  i  pareri  espressi  dal  commissario  prefettizio  per  la
temporanea amministrazione del comune di Mineo e dal Rettorato  della
provincia di Catania, con le  rispettive  deliberazioni  in  data  26
ottobre 1940-XVIII; 
 
  Veduto  l'art.  266  del  testo  unico  della  legge   comunale   e
provinciale, approvato con Nostro decreto 3 marzo 1934-XII, n. 383; 
 
  Sulla proposta del DUCE del Fascismo, Capo  del  Governo,  Ministro
per l'interno; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
  La  borgata  costruita,  in  attuazione  della  legge   2   gennaio
1940-XVIII, n. 1, nel comune  di  Mineo,  in  provincia  di  Catania,
assumera' la denominazione «Pietro Lupo». 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e  del  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
  Dato a Roma, addi' 9 dicembre 1940-XIX 
 
                          VITTORIO EMANUELE 
 
                                                            MUSSOLINI 
 
  Visto, il Guardasigilli: GRANDI 
 
  Registrato alla Corte dei conti, addi' 10 febbraio 1941-XIX 
 
  Atti del Governo, registro 430, foglio 42. - MANCINI