REGIO DECRETO 9 luglio 1939, n. 1238

Ordinamento dello stato civile. (039U1238)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 01/01/1940 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 27/01/2017)
Testo in vigore dal: 30-3-2001
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 39 
 
  Nel caso di distruzione di registri dello stato civile, quando  per
il numero rilevante degli atti da ricostituire si presenta  laboriosa
e  complessa  la  loro  ricostituzione  secondo  le  norme  ordinarie
stabilite nell'articolo precedente, puo' essere disposto con  decreto
del ministro per la grazia e giustizia che alla  loro  ricostituzione
provvedano, entro un determinato periodo di tempo, commissioni locali
presiedute dal pretore e composte del podesta', o di  chi  ne  fa  le
veci, di un ministro del culto e del segretario comunale. 
 
  Alle dette commissioni spettano, limitatamente agli atti  suddetti,
le attribuzioni dell'autorita'  giudiziaria  ai  sensi  dell'articolo
precedente. 
 
  Esse, su domanda di parte o di ufficio, procedono agli accertamenti
e alle indagini necessarie, richiedono  atti  e  notizie,  raccolgono
documenti, informazioni ed ogni altro elemento  occorrente  ed  hanno
facolta' di sentire testimoni sotto il  vincolo  del  giuramento.  In
seguito agli accertamenti fatti deliberano  la  ricostituzione  degli
atti da trascrivere nei registri dello stato civile, la  quale  pero'
avviene  soltanto  dopo  che  alla  deliberazione   e'   stata   data
conveniente pubblicita' ed e'  trascorso  il  termine  fissato  nella
deliberazione stessa, entro il  quale  sia  gli  interessati  sia  il
pubblico ministero possono fare opposizione davanti al tribunale. 
 
  Gli atti ricostituiti ai sensi dei commi precedenti  tengono  luogo
di quelli distrutti salvo all'autorita' giudiziaria, su richiesta del
pubblico ministero o delle parti, di  ordinare  l'annullamento  o  la
rettifica dell'atto ricostituito,  in  base  a  copia  o  certificato
autentici   legalmente    estratti    dall'originale,    che    siano
successivamente ritrovati. 
                                                               ((12)) 
 
------------ 
AGGIORNAMENTO (12) 
  Il D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396  ha  disposto  (con  l'art.  109,
comma  2)  che  "Tutte  le  disposizioni  del  presente   regolamento
concernenti la registrazione informatica degli atti e la tenuta degli
archivi di cui  all'articolo  10,  nonche'  la  disposizione  di  cui
all'articolo 12, comma  9,  hanno  efficacia  dalla  data  che  sara'
stabilita dal decreto del Presidente del Consiglio  dei  Ministri  di
cui all'articolo  10,  comma  2.  Fino  a  tale  data  continuano  ad
applicarsi le disposizioni di cui agli articoli 14, 16, 25,  29,  32,
33, 35, 36, 37, 38, 39, 59, 60, 124, 125, 134,  136,  137  del  regio
decreto 9 luglio 1939, n. 1238, nonche' le disposizioni  del  decreto
del Ministro di grazia e giustizia del 18 novembre  1967,  pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale del 22 novembre 1967,  n.  291.  Nei  citati
articoli 33, 39 e 137, ogni riferimento ad autorita' giudiziarie,  al
Ministero di grazia e giustizia  ed  al  podesta'  si  intende  fatto
rispettivamente al prefetto  o  ad  un  suo  delegato,  al  Ministero
dell'interno ed al sindaco". 
  Ha inoltre disposto (con l'art. 110, comma  1)  che  "Salvo  quanto
disposto dall'articolo 109 del presente regolamento, e'  abrogato  il
regio decreto 9 luglio 1939, n. 1238".