REGIO DECRETO 9 luglio 1939, n. 1238

Ordinamento dello stato civile. (039U1238)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 01/01/1940 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 27/01/2017)
Testo in vigore dal: 30-3-2001
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 137 
 
  La parte seconda dei registri di morte e' suddivisa in  tre  serie,
distinte rispettivamente con le lettere A, B e C. 
 
  Nella  serie  A,  composta  di  fogli  con  moduli   stampati,   si
trascrivono gli atti di morte avvenuta fuori del luogo ove il defunto
aveva la sua residenza. 
 
  Nella serie B, composta di fogli con moduli stampati, si  iscrivono
gli atti di morte  che  l'ufficiale  dello  stato  civile  redige  in
seguito ad avviso, notizie o denunzie avuti da ospedali, da  collegi,
da istituti o da qualsiasi altro stabilimento, a norma dell'art. 138,
comma secondo, da magistrati o da ufficiali  di  polizia  giudiziaria
nei casi di cui all'art. 144, dai  capi  stazione  nel  caso  di  cui
all'art. 147, dai comandanti di aeromobili o di  aeroporto  nei  casi
indicati nell'art. 148, commi primo e quarto,  dai  segretari  o  dai
cancellieri dell'autorita' giudiziaria nel caso di cui all'art. 139. 
 
  Nella serie C, composta di fogli in bianco, si trascrivono: 
 
    1) gli atti di morte ricevuti all'estero; 
 
    2) gli atti di morte ricevuti durante un viaggio di mare e quelli
formati nel Regno dalle autorita' marittime a termini dell'art.  146,
commi primo e terzo; 
 
    3) gli atti di morte compilati dagli ufficiali designati ai sensi
della legge di guerra approvata con R.  decreto  8  luglio  1938,  n.
1415; 
 
    4) i processi verbali formati dal podesta' o  da  altro  pubblico
ufficiale nel  caso  preveduto  nell'art.  145;  i  processi  verbali
formati  dall'autorita'  marittima  portuale   nel   caso   preveduto
nell'art.  146,  comma  quarto,  e,  ottenuta  l'autorizzazione   del
tribunale, gli atti di scomparizione in  mare  contemplati  nell'art.
597 del regolamento per  la  esecuzione  del  codice  per  la  marina
mercantile; 
 
    5) le dichiarazioni autentiche delle autorita'  marittime  e  dei
comandanti di aeroporto nei casi preveduti rispettivamente  nell'art.
146, comma secondo, e nell'art. 148, comma terzo; 
 
    6) le sentenze di rettificazione passate in giudicato; 
 
    7) le sentenze di morte presunta divenute eseguibili; 
 
    8) le sentenze che, a termini dell'art. 65 del  libro  primo  del
codice civile, dichiarano la esistenza delle persone di cui era stata
dichiarata la morte presunta o ne accertano la morte. 
 
  Nella stessa serie C si iscrivono o  si  trascrivono  gli  atti  di
morte ai quali, per la particolarita' del caso,  non  si  adattano  i
moduli stampati. 
 
  La trascrizione degli atti indicati nei numeri 1, 2, 3, 4 e 5 e nel
precedente comma e' fatta per intero. 
                                                               ((12)) 
 
------------ 
AGGIORNAMENTO (12) 
  Il D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396  ha  disposto  (con  l'art.  109,
comma  2)  che  "Tutte  le  disposizioni  del  presente   regolamento
concernenti la registrazione informatica degli atti e la tenuta degli
archivi di cui  all'articolo  10,  nonche'  la  disposizione  di  cui
all'articolo 12, comma  9,  hanno  efficacia  dalla  data  che  sara'
stabilita dal decreto del Presidente del Consiglio  dei  Ministri  di
cui all'articolo  10,  comma  2.  Fino  a  tale  data  continuano  ad
applicarsi le disposizioni di cui agli articoli 14, 16, 25,  29,  32,
33, 35, 36, 37, 38, 39, 59, 60, 124, 125, 134,  136,  137  del  regio
decreto 9 luglio 1939, n. 1238, nonche' le disposizioni  del  decreto
del Ministro di grazia e giustizia del 18 novembre  1967,  pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale del 22 novembre 1967,  n.  291.  Nei  citati
articoli 33, 39 e 137, ogni riferimento ad autorita' giudiziarie,  al
Ministero di grazia e giustizia  ed  al  podesta'  si  intende  fatto
rispettivamente al prefetto  o  ad  un  suo  delegato,  al  Ministero
dell'interno ed al sindaco". 
  Ha inoltre disposto (con l'art. 110, comma  1)  che  "Salvo  quanto
disposto dall'articolo 109 del presente regolamento, e'  abrogato  il
regio decreto 9 luglio 1939, n. 1238".