REGIO DECRETO 15 settembre 1922, n. 1294

Che stabilisce le indennita' di trasferta a piccole distanze per i magistrati e i' funzionari delle cancellerie e segreterie giudiziarie. (022U1294)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 09/10/1922 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/12/2010)
Testo in vigore dal: 9-10-1922
al: 5-6-1923
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           per grazia di Dio e per volonta' della Nazione 
 
                             RE D ITALIA 
 
  Visto l'art. 5, primo capoverso,  del  decreto  Luogotenenziale  14
settembre 1918, n. 1311, e il R. decreto 23 ottobre 1921, n. 1555; 
 
  Sentito il Consiglio dei ministri; 
 
  Sulla proposta del guardasigilli, ministro segretario di Stato  per
la giustizia e gli affari di culto,  di  concerto  col  ministro  del
tesoro; 
 
  Abbiamo decretato o decretiamo: 
 
                               Art. 1 
 
 
  Ai magistrati ed  ai  funzionari  delle  cancellerie  e  segreterie
giudiziarie che compiono atti del  proprio  ufficio  a  distanza  non
inferiore a tre chilometri dalla sede dell'ufficio nell'ambito  della
periferia del capoluogo del Comune di loro residenza  o  fuori  della
periferia  stessa,  purche'  a  distanza  non  maggiore   di   cinque
chilometri da questa, verra' corrisposta una indennita' pari  ai  due
quinti della diaria normale  stabilita  dall'articolo  primo  del  R.
decreto 20 febbraio 1921, n. 221, con esclusione degli aumenti di cui
all'art.  4  dello  stesso  R.  decreto,  nonche'  della   indennita'
chilometrica o di qualsiasi altro compenso, o pari a due terzi se gli
atti sono compiuti di notte, tra le ore ventiquattro e le cinque. 
 
  Per le trasferte eseguite a distanza superiore a cinque  chilometri
dalla periferia del capoluogo, la indennita' chilometrica si  liquida
in base alla distanza calcolata dalla detta periferia;  e  quando  il
ritorno abbia luogo nella stessa giornata, si applica per  la  diaria
la riduzione di due terzi, di cui alla prima  parte  dell'articolo  5
del decreto-legge Luogotenenziale 14 settembre 1918, n. 1311.