REGIO DECRETO-LEGGE 2 gennaio 1927, n. 1

Riordinamento delle circoscrizioni provinciali. (027U0001)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 12/01/1927
Regio Decreto-Legge convertito dalla L. 29 dicembre 1927, n. 2584 (in G.U. 18/01/1928, n.14).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 24/09/1947)
Testo in vigore dal: 12-1-1927
attiva riferimenti normativi
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Veduta la legge comunale e  provinciale,  testo  unico  4  febbraio
1915, n. 148, modificato dal R. decreto 30 dicembre 1923, n. 2839; 
 
  Veduto il R. decreto 21 ottobre 1926, n. 1890; 
 
  Veduto l'art. 3, n. 2, della legge 31 gennaio 1926 n. 100; 
 
  Ritenuta  la  necessita'  urgente  ed  assoluta  di  provvedere  al
riordinamento delle circoscrizioni provinciali per  meglio  adeguarle
alle esigenze dei servizi; 
 
  Udito il Consiglio dei Ministri; 
 
  Sulla proposta del Capo del Governo, Primo Ministro  Segretario  di
Stato e Ministro Segretario di Stato per gli affari dell'interno; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                               Art. 1. 
 
  Sono  istituite  le  seguenti  Provincie  con   la   circoscrizione
territoriale per ciascuna di esse sottoindicata: 
 
    1° Provincia di Aosta con capoluogo Aosta, comprendente: i Comuni
del circondario di Aosta ed i Comuni gia'  costituenti  il  soppresso
circondario di Ivrea; 
 
    2° Provincia di Bolzano con capoluogo  Bolzano,  comprendente:  i
Comuni dei circondari di Bolzano, Bressanone e Merano; 
 
    3° Provincia di Brindisi con capoluogo Brindisi, comprendente:  i
Comuni del circondario di Brindisi ed i comuni di Cellino San  Marco,
Cisternino, Fasano, San Pietro Vernotico e Torchiarolo; 
 
    4° Provincia  di  Castrogiovanni  con  capoluogo  Castrogiovanni,
comprendente: i Comuni dei circondari di Piazza Armerina e Nicosia; 
 
    5° Provincia di Frosinone con capoluogo Frosinone,  comprendente:
i Comuni del circondario di  Sora  ed  i  comuni  di  Acuto,  Alatri,
Anagni,  Arnara,  Boville  Ernica,  Ceccano,   Ceprano,   Collepardo,
Falvaterra, Ferentino, Filettino, Fiuggi, Fumone, Giuliano  di  Roma,
Guarcino, Monte  San  Giovanni  Campano,  Morolo,  Paliano,  Patrica,
Piglio, Pofi, Ripi, Serrone, Sgurgola, Strangolagalli, Supino,  Torre
Cajetani, Torrice, Trevi nel Lazio,  Trivigliano,  Veroli,  Vico  nel
Lazio, Villa  Santo  Stefano,  Ausonia,  Castelnuovo  Parano,  Coreno
Ausonia, Esperia, Pastena, Pico, San Giorgio al  Liri,  San  Giovanni
Incarico, Sant'Andrea, Sant'Apollinare e Vallefredda; 
 
    6° Provincia di Gorizia con capoluogo  Gorizia,  comprendente:  i
Comuni  del  circondario  di  Gorizia  (eccettuato   il   comune   di
Chiopris-Viscone) e del circondario di Tolmino; 
 
    7° Provincia di Matera  con  capoluogo  Matera,  comprendente:  i
Comuni  del  circondario  di  Matera  ed  i  comuni  di  Nova   Siri,
Rotondella, Tursi, Valsinni, Colobraro, San Giorgio Lucano,  Genzano,
Banzi e Palazzo San Gervasio; 
 
    8° Provincia di Nuoro con capoluogo Nuoro, comprendente: i Comuni
dei circondari di Nuoro e di Lanusei, ed i comuni di Birori,  Borore,
Bortigali,  Bosa,  Dualchi,  Flussio,  Macomer,  Magomados,   Modolo,
Montresta, Noragugume, Sagoma, Sindia, Suni,  Tinnura,  Tresnuraghes,
Cuglieri, Sennariolo e Scano di Montiferro; 
 
    9° Provincia di Pescara con capoluogo  Pescara,  comprendente:  i
comuni  di  Abbateggio,   Bolognano,   Caramanico,   Lettomanoppello,
Manoppello,  Musellaro,  Roccacaramanico,  Roccamorice,  Sale,  Santa
Eufemia   a   Maiella,   San   Valentino   in   Abruzzo    Citeriore,
Serramonacesca, Tocco da Casauria, Turrivalignani, Bussi sul  Tirino,
Popoli, Alanno, Brittoli, Cappelle sul Tavo,  Carpineto  della  Nora,
Castellammare   Adriatico,   Castiglione   a   Casauria,   Catignano,
Cepagatti,  Citta'  S.  Angelo,  Civitaquana,   Civitella   Casanova.
Collecorvino, Corvara, Cugnoli, Elice,  Farindola,  Loreto  Aprutino,
Montebello di Bertona, Montesilvano,  Montesilvano  Marina,  Moscufo,
Nocciano, Penne,  Pescosansonesco,  Pianella,  Picciano,  Pietranico,
Rosciano, Spoltore, Torre de Passeri, Vicoli e Villa Celiera; 
 
    10° Provincia di Pistoia con capoluogo Pistoia,  comprendente:  i
Comuni del circondario di Pistoia ed il comune di Tizzana; 
 
    11° Provincia di Ragusa con  capoluogo  Ragusa,  comprendente:  i
Comuni dei circondari di Ragusa e di Modica; 
 
    12° Provincia di  Rieti  con  capoluogo  Rieti,  comprendente:  i
Comuni del circondario di Rieti  ed  i  comuni  gia'  costituenti  il
soppresso circondario di Cittaducale; 
 
    13° Provincia di Savona con  capoluogo  Savona,  comprendente:  i
Comuni del circondario di Savona; 
 
    14° Provincia di  Terni  con  capoluogo  Terni,  comprendente:  i
Comuni del circondario di  Terni  ed  i  Comuni  del  circondario  di
Orvieto (eccettuati quelli di Citta' della Pieve, Paciano  e  Piegaro
nonche' il comune di Baschi; 
 
    15° Provincia di Varese con  capoluogo  Varese,  comprendente:  i
Comuni gia' costituenti il  soppresso  circondario  di  Varese  ed  i
comuni di Albizzate, Arsago, Besnate, Borsano,  Cairate,  Cardano  al
Campo, Caronno Milanese, Casale  Litta,  Casorate  Sempione,  Cassano
Magnago,  Cavaria  con  Premezzo,  Cislago,  Fagnano  Olona,   Fermo,
Gallarate, Gerenzano, Golasecca, Gorla Maggiore, Gorla Minore, Jerago
con Orago,  Lonate  Pozzolo,  Marnate,  Mezzana  Superiore,  Mornago,
Oggiona con S. Stefano, Olgiate Olona,  Origgio,  Samarate,  Saronno,
Sesto Calende, Solbiate Arno e Monte, Solbiate Olona, Somma Lombarda,
Sumirago, Uboldo, Vergiate e Vizzola Ticino; 
 
    16° Provincia di Vercelli con capoluogo Vercelli, comprendente: i
Comuni gia' costituenti i soppressi circondari di Vercelli, di Biella
e di Varallo Val Sesia, nonche' i comuni di Borgo Vercelli e Villata; 
 
    17° Provincia di Viterbo con capoluogo Viterbo,  comprendente:  i
Comuni del circondario di Viterbo.