LEGGE 6 luglio 2012, n. 96

Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e dei movimenti politici, nonche' misure per garantire la trasparenza e i controlli dei rendiconti dei medesimi. Delega al Governo per l'adozione di un testo unico delle leggi concernenti il finanziamento dei partiti e dei movimenti politici e per l'armonizzazione del regime relativo alle detrazioni fiscali. (12G0120)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 24/07/2012 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2021)
Testo in vigore dal: 15-8-2012
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 16 
 
 
Destinazione  dei  risparmi  ad  interventi  conseguenti   ai   danni
          provocati da eventi sismici e calamita' naturali 
 
  1. I risparmi derivanti dall'attuazione dell'articolo 1 negli  anni
2012 e 2013, da accertare con decreto del  Ministro  dell'economia  e
delle finanze entro quindici giorni dalla data di entrata  in  vigore
della presente legge, sono versati  all'entrata  del  bilancio  dello
Stato per essere riassegnati ad apposito  programma  dello  Stato  di
previsione del Ministero dell'economia e delle finanze relativo  alla
Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della protezione
civile,  al  fine  di  destinarli  alle   amministrazioni   pubbliche
competenti in via ordinaria a coordinare gli  interventi  conseguenti
ai danni provocati dagli eventi sismici e  dalle  calamita'  naturali
che hanno colpito il territorio nazionale a partire  dal  1º  gennaio
2009. 
  ((1-bis. Nel caso in cui si verifichi l'estinzione di  movimenti  o
partiti politici, le residue risorse inerenti agli  eventuali  avanzi
registrati dai relativi rendiconti inerenti  ai  contributi  erariali
ricevuti,  come  certificati   all'esito   dei   controlli   previsti
dall'articolo 9, possono  essere  versati  all'entrata  del  bilancio
dello Stato per essere riassegnati alle finalita' di cui all'articolo
1, comma 337, della legge 23 dicembre 2005, n. 266)). 
  2. Il Ministro dell'economia e  delle  finanze  e'  autorizzato  ad
apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio. 
  La presente legge, munita del sigillo dello Stato,  sara'  inserita
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato. 
    Data a Roma, addi' 6 luglio 2012 
 
                             NAPOLITANO 
 
 
                         Monti, Presidente del Consiglio dei Ministri 
 
Visto, il Guardasigilli: Severino