LEGGE 23 luglio 2009, n. 99

Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonche' in materia di energia. (09G0111)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/8/2009 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 09/08/2022)
Testo in vigore dal: 15-8-2009
                              Art. 34.
                (Misure per il risparmio energetico)

  1.  Al fine di adeguare la normativa nazionale in tema di risparmio
energetico  a quella comunitaria, alla parte II dell'allegato IX alla
Parte  quinta  del  decreto  legislativo  3 aprile 2006, n. 152, sono
apportate le seguenti modificazioni:
   a)  al  numero  2.7,  dopo  le parole: "fenomeni di condensa" sono
inserite   le   seguenti:  "con  esclusione  degli  impianti  termici
alimentati  da  apparecchi  a  condensazione  conformi  ai  requisiti
previsti dalla direttiva 92/42/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992,
relativa  ai  requisiti  di  rendimento, nonche' da generatori d'aria
calda  a  condensazione  a  scambio  diretto  e  caldaie  affini come
definite dalla norma UNI 11071";
   b)  al numero 2.10 sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: "Le
presenti  disposizioni  non  si  applicano  agli  impianti  termici a
condensazione   conformi   ai   requisiti  previsti  dalla  direttiva
90/396/CE   del  Consiglio,  del  29  giugno  1990,  concernente  gli
apparecchi a gas";
   c)  al  numero 3.4 sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: "Le
presenti   disposizioni   non  si  applicano  agli  impianti  termici
alimentati  da  apparecchi  a  condensazione  conformi  ai  requisiti
previsti  dalla  direttiva  92/  42/CEE  del Consiglio, del 21 maggio
1992,  relativa  ai  requisiti  di  rendimento, nonche' da generatori
d'aria  calda a condensazione a scambio diretto e caldaie affini come
definite dalla norma UNI 11071";
   d)  al  numero  3.6  sono  soppresse  le  parole:  "esclusivamente
metallici,".
          Note all'art. 34:
             - Si riportano i numeri 2.7, 2.10, 3.4 e 3.6 della parte
          II   dell'allegato   IX   alla  Parte  quinta  del  decreto
          legislativo 3 aprile 2006, n. 152 recante «Norme in materia
          ambientale» come modificati dalla presente legge:

                                                         «Allegato IX
                            Impianti termici civili
             (Omissis).
                                   Parte II
                        Requisiti tecnici e costruttivi
             (Omissis).
             2. Caratteristiche dei camini.
             (Omissis).
             2.7.  Gli  impianti  installati  o  che hanno subito una
          modifica  relativa ai camini successivamente all'entrata in
          vigore  della  parte  quinta  del  presente  decreto devono
          essere  dotati di camini realizzati con prodotti su cui sia
          stata  apposta  la  marcatura  «CE».  In  particolare, tali
          camini devono:
              essere realizzati con materiali incombustibili;
              avere  andamento  verticale  e  il piu' breve e diretto
          possibile tra l'apparecchio e la quota di sbocco;
              essere  privi di qualsiasi strozzatura in tutta la loro
          lunghezza;
              avere pareti interne lisce per tutta la lunghezza;
              garantire  che  siano evitati fenomeni di condensa «con
          esclusione  degli impianti termici alimentati da apparecchi
          a   condensazione  conformi  ai  requisiti  previsti  dalla
          direttiva  92/42/CEE  del  Consiglio,  del  21 maggio 1992,
          relativa  ai requisiti di rendimento, nonche' da generatori
          d'aria  calda  a  condensazione a scambio diretto e caldaie
          affini come definite dalla norma UNI 11071»;
              essere      adeguatamente     distanziati,     mediante
          intercapedine   d'aria  o  isolanti  idonei,  da  materiali
          combustibili o facilmente infiammabili;
              avere  angoli  arrotondati  con raggio non minore di 20
          mm, se di sezione quadrata o rettangolare;
              avere  un'altezza  correlata alla sezione utile secondo
          gli appropriati metodi di calcolo riportati dalla normativa
          tecnica vigente (norme UNI e norme CEN). Resta salvo quanto
          stabilito ai punti 2.9 e 2.10,
             (Omissis).
             2.10.  Le  bocche dei camini situati a distanza compresa
          fra  10  e  50  metri  da aperture di locali abitati devono
          essere  a  quota  non inferiore a quella del filo superiore
          dell'apertura  piu'  alta. «Le presenti disposizioni non si
          applicano agli impianti termici a condensazione conformi ai
          requisiti previsti dalla direttiva 90/396/CE del Consiglio,
          del 29 giugno 1990, concernente gli apparecchi a gas»;
             (Omissis).
             3. Canali da fumo.
             (Omissis).
             3.4.  I  canali  da  fumo  devono  essere costituiti con
          strutture  e  materiali  aventi le medesime caratteristiche
          stabilite  per  i  camini. «Le presenti disposizioni non si
          applicano  agli impianti termici alimentati da apparecchi a
          condensazione   conformi   ai   requisiti   previsti  dalla
          direttiva  92/42/CEE  del  Consiglio,  del  21 maggio 1992,
          relativa  ai requisiti di rendimento, nonche' da generatori
          d'aria  calda  a  condensazione a scambio diretto e caldaie
          affini come definite dalla norma UNI 11071»;
             (Omissis).
             3.6. I raccordi fra i canali da fumo e gli apparecchi di
          cui  fanno  parte  i focolari devono essere, rimovibili con
          facilita'  e dovranno avere spessore non inferiore ad 1/100
          del  loro  diametro  medio,  nel  caso di materiali ferrosi
          comuni, e spessore adeguato, nel caso di altri metalli.».
             -  La  Direttiva  92/42/CEE del Consiglio, del 21 maggio
          1992,  concernente  i «Requisiti di rendimento per le nuove
          caldaie  ad acqua calda alimentate con combustibili liquidi
          o gassosi», e' pubblicata nella GUCE n. L 167 del 22 giugno
          1992.
             -  La  Direttiva 90/396/CEE del Consiglio, del 29 giugno
          1990,  concernente  il  «Ravvicinamento  delle legislazioni
          degli  Stati  Membri  in  materia  di  apparecchi a gas» e'
          pubblicata nella GUCE n. L 196 del 26 luglio 1990.