LEGGE 3 dicembre 2009, n. 184

Disposizioni concernenti l'assegno sostitutivo dell'accompagnatore militare per il 2009. (09G0192)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 19/12/2009 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/02/2020)
Testo in vigore dal: 1-3-2020
aggiornamenti all'articolo
  La  Camera  dei  deputati  ed  il  Senato  della  Repubblica  hanno
approvato; 
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
 
                              Promulga 
 
la seguente legge: 
 
                               Art. 1 
 
  1. Le disposizioni di cui all'articolo 1  della  legge  7  febbraio
2006, n. 44, hanno efficacia ((per  gli  anni  2020,  2021  e  2022))
mediante corresponsione ((nel 2020, 2021 e  2022))  dell'assegno  ivi
previsto. 
  2.  Al  maggior  onere  derivante  dall'attuazione  del  comma   1,
determinato in euro 11.009.494 per l'anno 2009, si provvede  mediante
corrispondente riduzione del  Fondo  per  interventi  strutturali  di
politica  economica,  di  cui   all'articolo   10,   comma   5,   del
decreto-legge   29   novembre   2004,   n.   282,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307. 
  3.  Il  Ministro  dell'economia  e  delle   finanze   provvede   al
monitoraggio degli oneri di cui al presente articolo, anche  ai  fini
dell'applicazione dell'articolo 11-ter, comma 7, della legge 5 agosto
1978, n. 468, e successive modificazioni, e  trasmette  alle  Camere,
corredati di apposite relazioni, gli eventuali  decreti  adottati  ai
sensi dell'articolo 7, secondo comma, numero 2), della medesima legge
n. 468 del  1978.  Il  Ministro  dell'economia  e  delle  finanze  e'
autorizzato  ad  apportare,  con  propri   decreti,   le   occorrenti
variazioni di bilancio. 
  4. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a  quello
della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. 
  La presente legge, munita del sigillo dello Stato,  sara'  inserita
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato. 
    Data a Roma, addi' 3 dicembre 2009 
 
                             NAPOLITANO 
 
 
                    Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri 
 
Visto, il Guardasigilli: Alfano