LEGGE 12 marzo 1999, n. 68

Norme per il diritto al lavoro dei disabili.

note: Le disposizioni di cui agli artt. 1, comma 4, 5, commi 1, 4 e 7, 6, 9, comma 6, secondo periodo, 13, comma 8, 18, comma 3, e 20 entrano in vigore il 24-3-1999. Le restanti disposizioni entrano in vigore il 17-1-2000. (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 18/07/2020)
Testo in vigore dal: 24-9-2015
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                             Art. 12-bis 
              (Convenzioni di inserimento lavorativo). 
 
  1. Ferme restando le disposizioni di cui agli articoli 9, 11  e  12
gli uffici competenti  possono  stipulare  con  i  datori  di  lavoro
privati tenuti all'obbligo di assunzione di cui all'articolo 3, comma
1, lettera  a),  di  seguito  denominati  soggetti  conferenti,  e  i
soggetti di  cui  al  comma  4  del  presente  articolo,  di  seguito
denominati soggetti  destinatari,  apposite  convenzioni  finalizzate
all'assunzione da parte dei soggetti destinatari medesimi di  persone
disabili che presentino particolari caratteristiche e difficolta'  di
inserimento nel ciclo  lavorativo  ordinario,  ai  quali  i  soggetti
conferenti si impegnano ad affidare commesse di  lavoro.  Sono  fatte
salve le convenzioni in essere ai sensi dell'articolo 14 del  decreto
legislativo 10 settembre 2003, n. 276. 
  2.  La  stipula  della  convenzione  e'  ammessa  esclusivamente  a
copertura dell'aliquota d'obbligo e, in ogni caso, nei limiti del  10
per cento della quota di riserva di  cui  all'articolo  3,  comma  1,
lettera a), con arrotondamento all'unita' piu' vicina. 
  3. Requisiti per la stipula della convenzione sono: 
    a) individuazione delle persone disabili  da  inserire  con  tale
tipologia di convenzione,  previo  loro  consenso,  effettuata  dagli
uffici competenti, sentito l'organismo di cui all'articolo  6,  comma
3, del decreto legislativo 23 dicembre 1997, n. 469, come  modificato
dall'articolo 6 della presente  legge,  e  definizione  di  un  piano
personalizzato di inserimento lavorativo; ((22)) 
    b) durata non inferiore a tre anni; 
    c)  determinazione  del  valore  della  commessa  di  lavoro  non
inferiore alla copertura, per ciascuna annualita' e per  ogni  unita'
di personale assunta, dei  costi  derivanti  dall'applicazione  della
parte normativa e retributiva dei contratti collettivi  nazionali  di
lavoro, nonche'  dei  costi  previsti  nel  piano  personalizzato  di
inserimento  lavorativo.  E'  consentito  il  conferimento  di   piu'
commesse di lavoro; 
    d) conferimento della commessa di lavoro e contestuale assunzione
delle persone disabili da parte del soggetto destinatario. 
  4.  Possono  stipulare  le  convenzioni  di  cui  al  comma  1   le
cooperative sociali di cui all'articolo 1, comma 1, lettere a) e  b),
della legge 8 novembre 1991, n. 381, e  successive  modificazioni,  e
loro consorzi; le imprese sociali di cui  all'articolo  2,  comma  2,
lettere a) e b), del decreto legislativo 24 marzo  2006,  n.  155;  i
datori di lavoro privati non soggetti all'obbligo  di  assunzione  di
cui all'articolo 3, comma 1. Tali soggetti devono essere in  possesso
dei seguenti requisiti: 
    a) non avere in corso procedure concorsuali; 
    b) essere in  regola  con  gli  adempimenti  di  cui  al  decreto
legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni; 
    c) essere dotati di locali idonei; 
    d) non avere proceduto nei dodici  mesi  precedenti  l'avviamento
lavorativo del disabile a risoluzioni del rapporto di lavoro, escluse
quelle per giusta causa e giustificato motivo soggettivo; 
    e) avere nell'organico almeno un lavoratore dipendente che  possa
svolgere le funzioni di tutor. 
  5. Alla scadenza della  convenzione,  salvo  il  ricorso  ad  altri
istituti  previsti  dalla  presente  legge,  il  datore   di   lavoro
committente, previa valutazione degli uffici competenti, puo': 
    a) rinnovare la convenzione una sola volta  per  un  periodo  non
inferiore a due anni; 
    b) assumere il lavoratore disabile  dedotto  in  convenzione  con
contratto a tempo indeterminato mediante chiamata nominativa, ((...))
in tal caso il datore di lavoro potra' accedere  al  Fondo  nazionale
per il diritto al lavoro dei disabili, di cui all'articolo 13,  comma
4, nei limiti delle disponibilita' ivi previste, ((...)). 
  6.  La  verifica  degli  adempimenti  degli  obblighi  assunti   in
convenzione viene effettuata dai servizi incaricati  delle  attivita'
di sorveglianza e controllo e irrogazione di sanzioni  amministrative
in caso di inadempimento. 
  7. Con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza  sociale,
da emanarsi entro centoventi giorni dalla data di entrata  in  vigore
della presente disposizione, sentita la Conferenza unificata, saranno
definiti modalita' e criteri di attuazione  di  quanto  previsto  nel
presente articolo. 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (22) 
  Il D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 151  ha  disposto  (con  l'art.  7,
comma 2) che "Ogni riferimento all'organismo di cui  all'articolo  6,
comma 3, del decreto legislativo 23 dicembre 1997, n. 469,  contenuto
nella legge n. 68 del 1999 si intende effettuato al comitato  tecnico
di cui all'articolo 8, comma 1-bis, della legge n. 68 del 1999".