LEGGE 14 giugno 1999, n. 184

Modifiche alla legge 10 aprile 1997, n. 97, recante istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attivita' illecite ad esso connesse.

note: Entrata in vigore della legge: 6-7-1999
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 6-7-1999
attiva riferimenti normativi
  La  Camera  dei  deputati  ed  il  Senato  della  Repubblica  hanno
approvato;
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
                              Promulga
la seguente legge:
                               Art. 1.
  1. All'articolo 1, comma 1, della legge 10 aprile 1997, n. 97, dopo
le parole: "E' istituita" sono inserite le seguenti: ", per la durata
della  XIII legislatura,".  Al medesimo  comma  1, la  lettera g)  e'
abrogata.
  2. Il comma 2 dell'articolo l della legge 10 aprile 1997, n. 97, e'
sostituito dal seguente:
  " 2.  La commissione  riferisce al Parlamento  al termine  dei suoi
lavori, presentando  una relazione  finale. La  commissione riferisce
altresi'  al  Parlamento  sull'attivita'  svolta ogni  volta  che  lo
ritenga opportuno e, comunque, entro il 3l dicembre 1999".
  La presente legge,  munita del sigillo dello  Stato, sara' inserita
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
   Data a Roma, addi' 14 giugno 1999
                               CIAMPI
                                  D'Alema,  Presidente  del Consiglio
                                  dei Ministri
 Visto, il Guardasigilli: Diliberto
           Nota all'art. 1:
            - Il  testo dell'art. 1, commi  l e 2,  della legge n. 97
          del  1997  (Istituzione di  una commissione parlamentare di
          inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attivita'  illecite
          ad esso connesse), cosi'  come  modificati  dalla  presente
          legge e' il seguente:
            "Art.   l  (Istituzione  e  funzioni della  commissione).
          -   1.   E'  istituita,    per  la    durata    della  XIII
          legislatura,  una    commissione parlamentare di  inchiesta
          sul  ciclo dei  rifiuti e  sulle attivita' illecite ad esso
          connesse con il compito di:
            a) verificare  l'attuazione delle normative vigenti  e le
          eventuali inadempienze  da parte  dei soggetti  pubblici  e
          privati destinatari delle stesse;
            b)    verificare   i     comportamenti   della   pubblica
          amministrazione  centrale  e  periferica,  al  fine      di
          accertare  la  congruita'  degli  atti e la coerenza con la
          normativa vigente;
            c) verificare le  modalita' di gestione dei   servizi  di
          smaltimento dei  rifiuti da  parte  degli enti  locali e  i
          relativi sistemi  di affidamento;
            d)  svolgere  indagini    atte  a far luce sul ciclo  dei
          rifiuti, sulle organizzazioni che  lo gestiscono, sui  loro
          assetti  societari    e  sul  ruolo      svolto       dalla
          criminalita'   organizzata,    con    specifico riferimento
          alle associazioni di cui agli articoli 416 e 416  -bis  del
          codice penale;
            e)  individuare  le connessioni tra le attivita' illecite
          nel settore dei rifiuti   ed  altre  attivita'  economiche,
          con  particolare  riguardo al traffico  dei rifiuti  tra le
          diverse regioni  del Paese  e verso altre nazioni;
            f)  proporre   soluzioni  legislative  e   amministrative
          ritenute necessarie per rendere piu'  coordinata e incisiva
          l'iniziativa dello Stato,  delle  regioni  e   degli   enti
          locali  e  per  rimuovere  le disfunzioni accertate.
            2.  La commissione  riferisce  al Parlamento  al  termine
          dei    suoi lavori, presentando   una relazione  finale. La
          commissione   riferisce   altresi'      al       Parlamento
          sull'attivita'    svolta  ogni    volta    che   lo ritenga
          opportuno e, comunque, entro il 31 dicembre 1999".