LEGGE 22 dicembre 1999, n. 512

Istituzione del Fondo di rotazione per la solidarieta' alle vittime dei reati di tipo mafioso.

note: Entrata in vigore della legge: 25/1/2000 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 01/02/2018)
Testo in vigore dal: 23-7-2016
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 3. 
(Comitato di solidarieta' per le vittime dei reati  di  tipo  mafioso
               ((e dei reati intenzionali violenti)) ) 
 
  1. Presso il Ministero dell'interno e'  istituito  il  Comitato  di
solidarieta' per le vittime dei reati di tipo mafioso ((e  dei  reati
intenzionali violenti)). Il Comitato e'  presieduto  dal  Commissario
per il coordinamento delle iniziative di solidarieta' per le  vittime
dei reati di tipo mafioso, nominato dal Consiglio  dei  ministri,  su
proposta del Ministro dell'interno, anche al di fuori  del  personale
della pubblica amministrazione, tra persone di comprovata  esperienza
nell'attivita'  di  solidarieta'  alle  vittime  dei  reati  di  tipo
mafioso. Il Comitato e' composto: 
    a) da un rappresentante del Ministero dell'interno; 
    b) ((da due rappresentanti del Ministero della giustizia)); 
    c)  da  un  rappresentante  del  Ministero  dell'industria,   del
commercio e dell'artigianato; 
    d) da un rappresentante del Ministero del tesoro, del bilancio  e
della programmazione economica; 
    e) da un rappresentante del Ministero delle finanze; 
    f) da  un  rappresentante  della  Presidenza  del  Consiglio  dei
ministri, Dipartimento per gli affari sociali; 
    g)  da  un  rappresentante  della   Concessionaria   di   servizi
assicurativi pubblici Spa (CONSAP), senza diritto di voto. 
  2. Il Commissario ed i  rappresentanti  dei  Ministeri  restano  in
carica per quattro anni e l'incarico non e' rinnovabile per  piu'  di
una volta. 
  3. Fino alla data di entrata in  vigore  del  regolamento  previsto
dall'articolo 7, la gestione del Fondo e' attribuita al  Comitato  di
cui al presente articolo, secondo quanto previsto dall'articolo 6. 
  4. A decorrere dalla data di  entrata  in  vigore  del  regolamento
previsto dall'articolo 7, la gestione del Fondo  e'  attribuita  alla
CONSAP, che vi provvede per conto del  Ministero  dell'interno  sulla
base di apposita concessione. 
    5. Gli oneri derivanti dal presente articolo sono posti a  carico
del Fondo.