LEGGE 23 dicembre 1998, n. 448

Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo.

note: Entrata in vigore della legge: 1-1-1999 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/05/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-1-2002
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 61
                    Programmi di recupero urbano

  1.  Le  risorse  finanziarie iscritte nei conti fondo disponibile e
fondi   di   terzi  in  amministrazione,  lettera  a),  del  bilancio
consuntivo  1997  della  sezione autonoma per l'edilizia residenziale
della    Cassa   depositi   e   prestiti,   fino   alla   concorrenza
rispettivamente  di  lire  180  miliardi e di lire 120 miliardi, sono
destinate  alla  realizzazione  dei  programmi di cui all'articolo 2,
primo  comma,  lettera  f), della legge 5 agosto 1978, n. 457, con le
modalita' previste dall'articolo 2, comma 63, lettera b), della legge
23  dicembre  1996,  n.  662, individuati a seguito del bando di gara
approvato  con  i decreti del Ministro dei lavori pubblici 22 ottobre
1997  e 20 maggio 1998, pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del
30 gennaio 1998 e n. 119 del 25 maggio 1998.
  2. (( COMMA ABROGATO DAL D.P.R. 6 GIUGNO 2001, N. 380 )). ((26))
  3.  Su  richiesta degli enti di cui alla lettera a) del primo comma
dell'articolo  68  del  testo  unico  approvato  con  regio decreto 2
gennaio  1913,  n.  453,  come sostituita dall'articolo 49, comma 10,
della  legge  27 dicembre 1997, n. 449, la Cassa depositi e prestiti,
con   modalita'  operative  da  questa  definite,  e'  autorizzata  a
trasformare, una sola volta per ciascun mutuo, il capitale residuo da
ammortizzare    a    carico    degli   enti   richiedenti   aumentato
dell'indennizzo previsto dal comma 1 dell'articolo 11 del decreto del
Ministro  del  tesoro,  del bilancio e della programmazione economica
del  7 gennaio 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23
gennaio  1998,  in  nuovi  mutui  da ammortizzare al tasso vigente al
momento   della  definizione  dell'operazione.  Le  disposizioni  del
presente  comma si applicano anche ai mutui di cui all'articolo 6 del
decreto-legge  17 giugno 1996, n. 321, convertito, con modificazioni,
dalla  legge  8  agosto  1996,  n.  421,  per  le  finalita'  di  cui
all'articolo 45, comma 26, della presente legge.
  4. Alla fine del comma 1 dell'articolo 5 del decreto-legge 28 marzo
1997,  n.  79,  convertito,  con modificazioni, dalla legge 28 maggio
1997,  n. 140, e' aggiunto il seguente periodo: "Per l'attuazione dei
programmi  URBAN cofinanziati dall'Unione europea l'anticipazione sui
contratti  suddetti non puo' superare la somma complessiva del 20 per
cento del prezzo di aggiudicazione dell'appalto".
----------------
AGGIORNAMENTO (26)
  Il  D.P.R.  6  giugno  2001,  n.  380,  come modificato dal D.L. 23
novembre  2001,  n.  411,  convertito  con  modificazioni dalla L. 31
dicembre  2001,  n.  463,  ha  disposto  (con l'art. 138, comma 1) la
proroga  dell'entrata  in  vigore  dell'abrogazione  del  comma 2 del
presente articolo dal 1 gennaio 2002 al 30 giugno 2002.
Il  D.P.R.  6 giugno 2001, n. 380, come modificato dal D.L. 20 giugno
2002,  n.  122 , convertito con modificazioni dalla L. 1 agosto 2002,
n.  185 ha disposto (con l'art. 138, comma 1) la proroga dell'entrata
in  vigore  dell'abrogazione del comma 2 del presente articolo dal 30
giugno 2002 al 30 giugno 2003.