LEGGE 4 maggio 1998, n. 133

Incentivi ai magistrati trasferiti ((. . .)) d'ufficio a sedi disagiate e introduzione delle tabelle infradistrettuali.

note: Entrata in vigore della legge: 9-5-1998 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 07/07/2010)
Testo in vigore dal: 31-12-2009
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5
       (Valutazione dei servizi prestati nelle sedi disagiate
               a seguito di trasferimento d'ufficio).

  1.  Per i magistrati trasferiti d'ufficio a sedi disagiate ai sensi
degli  articoli 1 ((. . .)) l'anzianita' di servizio e' calcolata, ai
soli  fini del primo tramutamento per un posto di grado pari a quello
occupato  in  precedenza, in misura doppia per ogni anno di effettivo
servizio  prestato  nella  sede,  fino  al  sesto anno di permanenza.
L'effettivo  servizio e' computato ai sensi del comma 1 dell'articolo
2.
  2.  Se la permanenza in effettivo servizio presso la sede disagiata
supera   i   quattro   anni,  il  magistrato  ha  diritto  ad  essere
riassegnato,  a  domanda, alla sede di provenienza, con le precedenti
funzioni,  anche  in  soprannumero  da  riassorbire con le successive
vacanze.
  3.   La   disposizione  di  cui  al  comma  1  non  si  applica  ai
trasferimenti  che prevedono il conferimento di incarichi direttivi o
semidirettivi  ovvero di funzioni di legittimita'. La disposizione di
cui  al  comma  2  non  si  applica ai trasferimenti che prevedono il
conferimento di incarichi direttivi o semidirettivi.