LEGGE 23 dicembre 1997, n. 454

Interventi per la ristrutturazione dell'autotrasporto e lo sviluppo dell'intermodalita'.

note: Entrata in vigore della legge: 15-1-1998 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/03/2001)
Testo in vigore dal: 20-2-2000
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 10.
                     (Disposizioni finanziarie).

  ((1.  Per  le  finalita'  di  cui  agli  articoli  da  1  a 5, sono
autorizzati  i  limiti  impegno quindicennali di lire 50 miliardi per
ciascuno  degli  anni  1997, 1998 e 1999 da assegnare, sulla base del
piano   di  cui  all'articolo  1,  ai  soggetti  di  cui  al  decreto
legislativo  1o  settembre  1993,  n. 385, quali contributi pari alla
rata  di  ammortamento  per  capitale e interessi a fronte di mutui o
altre   operazioni  finanziarie  attivate  dai  soggetti  stessi  con
separata  evidenza  contabile.  La  scelta  dei  predetti soggetti e'
effettuata  ai  sensi  della  vigente normativa in materia di appalti
pubblici di servizi e nelle relative convenzioni sono disciplinate le
modalita'  di  istruttoria  delle  domande di ammissione ai benefici,
quelle   per   l'erogazione  dei  benefici  stessi,  nonche'  per  la
rendicontazione da parte delle imprese beneficiarie)).
  2.  L'erogazione  dei mutui agevolati alle imprese di autotrasporto
di  cose  per conto di terzi, di cui alla presente legge, puo' essere
effettuata,  oltre  che  dai  soggetti di cui al comma 1, anche dalle
banche di cui al decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, previa
stipula  di  apposita  convenzione  con  il Ministero dei trasporti e
della navigazione.
  3.  Per consentire l'effettiva attuazione del piano di cui al comma
1,  il  Ministero dei trasporti e della navigazione e' autorizzato ad
impegnare  nell'anno  1997  anche  i limiti di impegno afferenti agli
anni 1998 e 1999, con pagamento delle relative annualita' a decorrere
dall'esercizio   finanziario  cui  si  riferisce  ciascun  limite  di
impegno.
  4.  All'onere derivante dall'attuazione del comma 1, pari a lire 50
miliardi  per  l'anno  1997, lire 100 miliardi per l'anno 1998 e lire
150  miliardi  per l'anno 1999, si provvede quanto a lire 50 miliardi
per  il  1997,  mediante  corrispondente riduzione dello stanziamento
iscritto al capitolo 9001 dello stato di previsione del Ministero del
tesoro per l'anno medesimo, parzialmente utilizzando l'accantonamento
relativo  al  Ministero  dei  trasporti e della navigazione; quanto a
lire  100  miliardi  per  il  1998  e  lire 150 miliardi per il 1999,
mediante  corrispondente  riduzione  dello  stanziamento iscritto, ai
fini   del  bilancio  triennale  1998-2000,  nell'ambito  dell'unita'
previsionale  di  base di conto capitale "Fondo speciale" dello stato
di  previsione  del Ministero del tesoro per l'anno finanziario 1998,
parzialmente  utilizzando  l'accantonamento relativo al Ministero dei
trasporti e della navigazione.
  ((4-bis.   Con   decreto   del   Ministro  dei  trasporti  e  della
navigazione,  di  concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e
della   programmazione   economica,   sentito   il  Comitato  di  cui
all'articolo  8,  puo'  essere  mutata  la destinazione delle risorse
finanziarie  di  cui  all'articolo  1,  nell'ambito  delle  finalita'
stabilite  dalla  presente  legge,  in  caso di mancata utilizzazione
delle  risorse  medesime  per  gli obiettivi di spesa originariamente
previsti.))
  5.  Il  Ministro del tesoro e' autorizzato ad apportare, con propri
decreti,  le variazioni di bilancio occorrenti per l'attuazione della
presente legge.