LEGGE 5 febbraio 1992, n. 104

Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate.

note: Entrata in vigore della legge: 18-2-1992 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/07/2022)
Testo in vigore dal: 12-9-2019
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 15. 
                (Gruppi per l'inclusione scolastica). 
  1. Presso ogni Ufficio scolastico regionale (USR) e'  istituito  il
Gruppo di lavoro interistituzionale regionale (GLIR) con compiti di: 
    a) consulenza e proposta all'USR per la definizione, l'attuazione
e la verifica degli accordi di programma di cui agli articoli 13,  39
e 40 della presente legge, integrati con le  finalita'  di  cui  alla
legge 13 luglio  2015,  n.  107,  con  particolare  riferimento  alla
continuita'  delle  azioni  sul  territorio,  all'orientamento  e  ai
percorsi integrati scuola-territorio-lavoro; 
    b) supporto ai Gruppi per l'inclusione territoriale (GIT); 
    c) supporto alle  reti  di  scuole  per  la  progettazione  e  la
realizzazione dei Piani di formazione in servizio del personale della
scuola. (22) 
  2. Il GLIR e' presieduto dal dirigente preposto all'USR o da un suo
delegato. Nell'ambito del decreto di cui al comma 3 e'  garantita  la
partecipazione paritetica dei  rappresentanti  delle  Regioni,  degli
Enti locali  e  delle  associazioni  delle  persone  con  disabilita'
maggiormente  rappresentative   a   livello   regionale   nel   campo
dell'inclusione scolastica. (22) 
  3. La composizione, l'articolazione, le modalita' di funzionamento,
la sede, la durata, nonche' l'assegnazione di ulteriori funzioni  per
il supporto all'inclusione scolastica del GLIR, fermo restando quanto
previsto  al  comma  2,  sono  definite  con  decreto  del   Ministro
dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, nell'ambito  delle
risorse  umane,  strumentali  e  finanziarie   disponibili,   sentito
l'Osservatorio  permanente  per  l'inclusione  scolastica   istituito
presso  il  Ministero  dell'istruzione,  dell'universita'   e   della
ricerca. (22) 
  ((4. Per ciascun ambito territoriale provinciale, ovvero a  livello
delle citta' metropolitane, e' costituito il Gruppo per  l'Inclusione
Territoriale (GIT). Il GIT e' composto da personale  docente  esperto
nell'ambito dell'inclusione, anche con riferimento  alla  prospettiva
bio-psico-sociale,  e  nelle  metodologie  didattiche   inclusive   e
innovative. Il GIT e' nominato con  decreto  del  direttore  generale
dell'ufficio scolastico regionale ed e' coordinato  da  un  dirigente
tecnico o da un dirigente scolastico che lo presiede. Il GIT conferma
la richiesta inviata dal dirigente scolastico all'ufficio  scolastico
regionale relativa al fabbisogno delle misure di sostegno ovvero puo'
esprimere su tale richiesta un parere difforme. Agli  oneri  relativi
al personale docente di cui al presente comma, si provvede  ai  sensi
dell'articolo 20, comma 4. 
  5. Il GIT, che agisce in  coordinamento  con  l'ufficio  scolastico
regionale, supporta le istituzioni scolastiche nella definizione  dei
PEI  secondo  la  prospettiva  bio-psico-sociale  alla   base   della
classificazione  ICF,  nell'uso  ottimale  dei  molteplici   sostegni
disponibili,  previsti  nel  Piano  per  l'Inclusione  della  singola
istituzione scolastica, nel  potenziamento  della  corresponsabilita'
educativa e delle attivita' di didattica inclusiva. 
  6. Per lo svolgimento  di  ulteriori  compiti  di  consultazione  e
programmazione delle attivita' nonche'  per  il  coordinamento  degli
interventi  di  competenza  dei  diversi  livelli  istituzionali  sul
territorio, il GIT e' integrato: 
    a) dalle associazioni maggiormente rappresentative delle  persone
con disabilita' nell'inclusione scolastica; 
    b) dagli enti locali e dalle aziende sanitarie locali. 
  7. Con decreto del  Ministro  dell'istruzione,  dell'universita'  e
della ricerca, di concerto con  il  Ministro  dell'economia  e  delle
finanze, da adottare entro sessanta giorni dalla data di  entrata  in
vigore della presente disposizione, nell'ambito delle risorse  umane,
strumentali  e  finanziarie   disponibili,   sentito   l'Osservatorio
permanente per l'inclusione scolastica, sono definite le modalita' di
funzionamento del GIT, la  sua  composizione,  le  modalita'  per  la
selezione nazionale dei componenti, gli ulteriori compiti attribuiti,
le forme di monitoraggio del suo funzionamento, la sede,  la  durata,
nonche'  l'assegnazione  di  ulteriori  funzioni  per   il   supporto
all'inclusione scolastica. 
  8. Presso ciascuna istituzione scolastica e' istituito il Gruppo di
lavoro  per  l'inclusione  (GLI).  Il  GLI  e'  composto  da  docenti
curricolari, docenti di sostegno e, eventualmente da  personale  ATA,
nonche'  da  specialisti  della  Azienda  sanitaria  locale   e   del
territorio di riferimento dell'istituzione scolastica. Il  gruppo  e'
nominato e presieduto dal dirigente scolastico ed ha  il  compito  di
supportare il collegio dei docenti nella definizione e  realizzazione
del Piano per l'inclusione nonche' i docenti contitolari e i consigli
di classe nell'attuazione dei PEI. 
  9. In sede di definizione e attuazione del Piano di inclusione,  il
GLI si avvale della consulenza e del  supporto  degli  studenti,  dei
genitori e puo' avvalersi della consulenza dei  rappresentanti  delle
associazioni   delle    persone    con    disabilita'    maggiormente
rappresentative del territorio nell'inclusione scolastica. In sede di
definizione dell'utilizzazione delle  risorse  complessive  destinate
all'istituzione scolastica  ai  fini  dell'assistenza  di  competenza
degli enti locali, alle riunioni del GLI partecipa un  rappresentante
dell'ente   territoriale   competente,   secondo   quanto    previsto
dall'accordo  di  cui  all'articolo  3,  comma  5-bis.  Al  fine   di
realizzare il Piano di inclusione e il PEI, il GLI collabora  con  il
GIT di cui al comma 4  e  con  le  istituzioni  pubbliche  e  private
presenti sul territorio. 
  10. Al fine della definizione dei PEI e della verifica del processo
di inclusione, compresa la proposta  di  quantificazione  di  ore  di
sostegno e delle altre misure di sostegno, tenuto conto  del  profilo
di funzionamento, presso ogni Istituzione scolastica sono  costituiti
i Gruppi di lavoro operativo per l'inclusione dei singoli alunni  con
accertata  condizione  di   disabilita'   ai   fini   dell'inclusione
scolastica. Ogni Gruppo di lavoro operativo e' composto dal team  dei
docenti contitolari o dal consiglio di classe, con la  partecipazione
dei genitori della bambina o del bambino, dell'alunna o  dell'alunno,
della studentessa o dello studente con disabilita', o di chi esercita
la   responsabilita'   genitoriale,   delle   figure    professionali
specifiche,  interne  ed  esterne  all'istituzione   scolastica   che
interagiscono con la classe e con la bambina o il bambino, l'alunna o
l'alunno, la studentessa o lo studente con disabilita' nonche' con il
necessario supporto dell'unita' di valutazione multidisciplinare.  Ai
componenti del Gruppo di lavoro operativo non spetta alcun  compenso,
indennita', gettone di presenza, rimborso spese e qualsivoglia  altro
emolumento. Dall'attivazione  dei  Gruppi  di  lavoro  operativo  non
devono derivare, anche in via indiretta, maggiori oneri di personale. 
  11. All'interno del Gruppo di lavoro operativo, di cui al comma 10,
e' assicurata la partecipazione attiva degli studenti  con  accertata
condizione di disabilita' in eta' evolutiva ai  fini  dell'inclusione
scolastica nel rispetto del principio di autodeterminazione.)) 
 
                                                                 (24) 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (22) 
  Il D.Lgs. 13 aprile 2017, n. 66 ha disposto: 
  - (con l'art.  19,  comma  3)  che  "I  Gruppi  di  lavoro  di  cui
all'articolo  15  della  legge  n.  104  del  1992,  come  modificato
dall'articolo 9 del presente decreto, sono istituti con  le  seguenti
decorrenze: 
    a) il GLIR e il GLI dal 1° settembre 2017; 
    b) il GIT dal 1° gennaio 2019"; 
  - (con l'art. 19, comma 4) che "Le disposizioni di cui ai commi  1,
2, 3, 8 e 9 dell'articolo 15  della  legge  n.  104  del  1992,  come
sostituito dall'articolo 9  del  presente  decreto,  si  applicano  a
decorrere dal 1° settembre 2017. Nelle more continuano ad  applicarsi
le disposizioni di cui ai commi 2 e 4 dell'articolo 15 della legge n.
104 del 1992 nel testo previgente alla data di entrata in vigore  del
presente decreto"; 
  - (con l'art. 19, comma 5) che "Le disposizioni di cui ai commi  da
4 a 7 dell'articolo 15 della legge n. 104 del 1992,  come  sostituito
dall'articolo 9 del presente decreto, si applicano a decorrere dal 1°
gennaio 2019. Nelle more continuano ad applicarsi le disposizioni  di
cui ai commi 1 e 3 dell'articolo 15 della legge n. 104 del  1992  nel
testo  previgente  alla  data  di  entrata  in  vigore  del  presente
decreto". 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (24) 
  Il D.Lgs. 13 aprile 2017,  n.  66,  come  modificato  dalla  L.  30
dicembre 2018, n. 145, ha disposto (con l'art. 19, comma  3)  che  "I
Gruppi di lavoro di cui all'articolo 15 della legge n. 104 del  1992,
come modificato dall'articolo 9 del presente decreto,  sono  istituti
con le seguenti decorrenze: 
    a) il GLIR e il GLI dal 1° settembre 2017; 
    b) il GIT dal 1° settembre 2019"; 
  Ha inoltre disposto (con l'art. 19, comma 5) che  "Le  disposizioni
di cui ai commi da 4 a 7 dell'articolo 15  della  legge  n.  104  del
1992, come  sostituito  dall'articolo  9  del  presente  decreto,  si
applicano a decorrere dal 1° settembre 2019. Nelle more continuano ad
applicarsi le disposizioni di cui ai commi 1  e  3  dell'articolo  15
della legge n. 104 del 1992 nel testo previgente alla data di entrata
in vigore del presente decreto".