LEGGE 8 novembre 1991, n. 362

Norme di riordino del settore farmaceutico.

note: Entrata in vigore della legge: 17-11-1991 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 14/08/2017)
Testo in vigore dal: 29-8-2017
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 8 
                Gestione societaria: incompatibilita' 
 
  1. La partecipazione alle societa' di cui all'articolo 7, salvo  il
caso di cui ai commi 9 e 10 di tale articolo, e' incompatibile: 
    ((a) nei casi di cui all'articolo 7, comma 2, secondo periodo)); 
    b) con la posizione di titolare, gestore provvisorio, direttore o
collaboratore di altra farmacia; 
    c) con qualsiasi rapporto di lavoro pubblico e privato. 
  ((2. Lo statuto  delle  societa'  di  cui  all'articolo  7  e  ogni
successiva variazione, ivi incluse  quelle  relative  alla  compagine
sociale, sono comunicati, entro  sessanta  giorni,  alla  Federazione
degli ordini  dei  farmacisti  italiani  nonche'  all'assessore  alla
sanita' della competente regione  o  provincia  autonoma,  all'ordine
provinciale dei farmacisti e all'azienda sanitaria locale  competente
per territorio)). 
  3. La violazione delle disposizioni di cui al presente  articolo  e
all'articolo 7  comporta  la  sospensione  del  farmacista  dall'albo
professionale per un periodo non inferiore ad un anno. Se e'  sospeso
il socio che e' direttore responsabile, la direzione  della  farmacia
gestita da una societa' e' affidata ad un altro  dei  soci.  Se  sono
sospesi tutti i soci e' interrotta la gestione della farmacia per  il
periodo  corrispondente  alla  sospensione  dei   soci.   L'autorita'
sanitaria competente nomina, ove necessario, un  commissario  per  il
periodo di interruzione della gestione ordinaria, da scegliersi in un
elenco  di  professionisti  predisposto   dal   consiglio   direttivo
dell'ordine provinciale dei farmacisti. 
----------- 
AGGIORNAMENTO (3) 
  La Corte costituzionale, con sentenza 8-24 luglio 2003, n. 275  (in
G.U. 1a  s.s.  30/7/2003,  n.  30)  ha  dichiarato  "l'illegittimita'
costituzionale del comma 1, lettera a) del presente  articolo,  nella
parte in cui non prevede che la partecipazione a societa' di gestione
di farmacie comunali e' incompatibile con qualsiasi  altra  attivita'
nel  settore  della  produzione,  distribuzione,  intermediazione   e
informazione scientifica del farmaco".