LEGGE 5 ottobre 1991, n. 317

Interventi per l'innovazione e lo sviluppo delle piccole imprese.

note: Entrata in vigore della Legge: 24-10-1991 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 26/06/2012)
Testo in vigore dal: 28-5-1998
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 14. 
            (Agevolazioni per la diffusione commerciale) 
1. A valere sulle disponibilita' attribuite per gli anni 1991 e  1992
al  fondo  istituito  presso  il   Mediocredito   centrale   per   la
corresponsione  di   contributi   in   conto   interessi   ai   sensi
dell'articolo 37, secondo comma, del decreto-legge 26  ottobre  1970,
n. 745, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre  1970,
n. 1034, come sostituito dall'articolo 3 della legge 28 maggio  1973,
n. 295, e successive modificazioni e integrazioni,  e'  assegnata  la
somma di lire 100 miliardi,  in  ragione  di  lire  50  miliardi  per
ciascuno degli anni 1991 e 1992, al fondo per il finanziamento  delle
operazioni previste dall'articolo 2 del decreto-legge 28 maggio 1981,
n. 251, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 1981, n. 
394. 
2. ((La Simest S.p.a.  corrisponde  contributi  agli  interessi  alle
piccole e medie imprese anche  cooperative,  e  ai  loro  consorzi  e
associazioni, cui possono partecipare enti pubblici economici e altri
organismi pubblici e privati a fronte di operazioni di  finanziamento
della loro quota, o parte di  essa,  di  capitale  di  rischio  nelle
societa' o imprese all'estero)). Gli stessi  operatori  sono  ammessi
alla garanzia assicurativa della Sezione speciale per l'assicurazione
del credito dell'esportazione (SACE),  nei  limiti  delle  rispettive
quote  di  partecipazione,  per  i  rischi  politici  e  per   quelli
commerciali derivanti dal mancato trasferimento  di  fondi  spettanti
alle  imprese  italiane,  per  qualsiasi   ragione   non   imputabile
all'operatore nazionale, secondo modalita' e condizioni  che  saranno
all'uopo determinate dal comitato di  gestione  della  SACE  per  gli
interventi di cui all'articolo 4, comma 3, della  medesima  legge  n.
100 del 1990. 
3. Entro i limiti e  con  le  modalita'  stabiliti  con  decreto  del
Ministero  del  tesoro,  adottato  di  concerto   con   il   Ministro
dell'industria, del commercio e dell'artigianato e  con  il  Ministro
del  commercio  con  l'estero,  possono  essere  utilizzate,  per   i
finanziamenti di cui al comma 2, le disponibilita' assegnate al fondo
istituito presso il Mediocredito centrale per  la  corresponsione  di
contributi in conto interessi, di cui al citato articolo 37,  secondo
comma, del decreto-legge n. 745 del 1970.