LEGGE 8 agosto 1991, n. 264

Disciplina dell'attivita' di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto.

note: Entrata in vigore della legge: 5-9-1991 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/07/2010)
Testo in vigore dal: 25-1-1994
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 8. 
                            T a r i f f e 
  1. Le tariffe minime e massime per l'attivita' di consulenza per la
circolazione dei mezzi di trasporto sono  stabilite  annualmente  con
decreto del Ministro dei trasporti, su conforme deliberazione di  una
commissione  nominata  con  decreto  del  Ministro  dei  trasporti  e
composta da: 
    a) due rappresentanti del Ministero dei trasporti, di cui uno con
funzioni di presidente ed uno con funzioni  di  supplente,  designati
dal Ministro dei  trasporti  fra  i  dirigenti  o  i  funzionari  con
qualifiche equiparate della Direzione generale  della  motorizzazione
civile e dei trasporti in concessione del Ministero dei trasporti; 
    b) due rappresentanti del Ministero della marina  mercantile,  di
cui uno con funzioni  di  supplente,  designati  dal  Ministro  della
marina mercantile fra i  dirigenti  o  i  funzionari  con  qualifiche
equiparate del Ministero; 
    c) due rappresentanti del Ministero delle finanze, di cui uno con
funzioni di supplente, designati dal Ministro  delle  finanze  fra  i
dirigenti o i funzionari con qualifiche equiparate del Ministero; 
    d)  quattro  rappresentanti  delle  associazioni   nazionali   di
categoria maggiormente rappresentative, di cui due  con  funzioni  di
supplente. 
    (( d-bis) due  rappresentanti  designati  dall'  Automobile  Club
d'Italia, di cui uno con funzioni di supplente )). 
  2. I componenti della commissione di  cui  al  comma  1  durano  in
carica  tre  anni.  La  commissione  delibera   a   maggioranza   dei
componenti. 
  3. La vigilanza sul rispetto delle tariffe minime e massime di  cui
al comma 1 e' esercitata dalle province  e  dai  comuni.  Le  tariffe
minime e massime di cui al comma 1 e quelle praticate dall'impresa  o
dalla societa'  di  consulenza  per  la  circolazione  dei  mezzi  di
trasporto devono essere permanentemente affisse in modo leggibile nei
locali dell'impresa  o  della  societa'  di  consulenza  ove  vengono
acquisiti gli incarichi dei committenti. 
  4. All'atto del rilascio dell'autorizzazione di cui all'articolo 3,
il  titolare  dell'impresa  o  la  societa'  di  consulenza  per   la
circolazione  dei  mezzi  di  trasporto  sono  tenuti  a  versare  un
contributo una tantum il  cui  importo  e'  determinato  con  decreto
adottato dal Ministro dei trasporti, di concerto con il Ministro  del
tesoro, in  misura  tale  da  assicurare  la  copertura  degli  oneri
derivanti dal funzionamento della commissione di cui al comma 1.