LEGGE 22 dicembre 1990, n. 401

Riforma degli Istituti italiani di cultura e interventi per la promozione della cultura e della lingua italiane all'estero.

note: Entrata in vigore della legge: 29/12/1990 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/08/2013)
Testo in vigore dal: 25-7-1995
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 21. 
             (Spese per le sedi di Istituti o di scuole 
                        italiane all'estero) 
  1. E' autorizzata la spesa di lire 5.000 milioni, da  ripartire  in
cinque anni finanziari consecutivi a decorrere  dall'anno  1991,  per
l'acquisto, la ristrutturazione  e  la  costruzione  di  immobili  da
adibire  a  sedi  di  Istituti  o  di  scuole  italiane   all'estero.
L'autorizzazione di spesa per gli anni 1991 e 1992  e'  di  lire  600
milioni annui. La legge finanziaria provvede  ad  indicare  le  quote
destinate a gravare sugli anni successivi ai sensi della  lettera  c)
del comma 3 dell'articolo 11 della legge 5 agosto 1978, n. 468,  come
modificato dalla legge 23 agosto 1988, n. 362. 
  2. Per le speciali esigenze degli Istituti e' autorizzata la  spesa
aggiuntiva  di  lire  2.000  milioni  nel  1991  per  l'acquisto,  la
costruzione e la ristrutturazione di immobili  da  destinare  a  sedi
degli Istituti stessi. 
  3. Restano in vigore gli articoli 3, 4 e 5 della  legge  22  luglio
1982, n. 473. ((1)) 
    
------------------

    
AGGIORNAMENTO (1) 
  La L. 13 luglio 1995, n. 295 ha disposto (con l'art.  1,  comma  7)
che "Per l'acquisto, la ristrutturazione e la costruzione di immobili
da adibire a sedi di istituti  italiani  di  cultura  all'estero,  la
spesa di cui all'articolo 21 della legge 22 dicembre 1990, n. 401, e'
integrata per l'anno 1995 di  lire  3.000  milioni  cui  si  provvede
mediante utilizzo delle disponibilita' esistenti  sul  capitolo  2694
dello stato di previsione del Ministero degli affari  esteri  per  lo
stesso anno, che saranno versate all'entrata del bilancio dello Stato
per essere  riassegnate  al  capitolo  8001  nel  medesimo  stato  di
previsione".