LEGGE 9 maggio 1989, n. 168

Istituzione del Ministero dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica.

note: Entrata in vigore della legge: 26/5/1989 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 25/11/2016)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 16-7-1998
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2. 
                             (Funzioni) 
  1. Il Ministro: 
    a) elabora ogni tre anni il piano di sviluppo dell'universita' in
base  alle  vigenti  disposizioni  e  presenta  al  Parlamento,  ogni
triennio, un  rapporto  sullo  stato  dell'istruzione  universitaria,
formulato sulla base delle relazioni delle  universita',  sentiti  il
Consiglio universitario nazionale (CUN) e  la  Conferenza  permanente
dei rettori delle universita' italiane; 
    ((b)  valorizza  e  sostiene,   anche   con   adeguato   supporto
finanziario, la ricerca libera nelle  universita'  e  negli  enti  di
ricerca, nel rispetto delle autonomie previste dalla presente legge e
definite   nei   rispettivi   ordinamenti,   promuovendo    opportune
integrazioni e sinergie tra la ricerca pubblica e quella del  settore
privato, favorendone lo sviluppo nei settori di rilevanza strategica; 
    bbis) sovrintende al monitoraggio del PNR, con riferimento  anche
alla verifica della coerenza tra esso e i piani e i  programmi  delle
amministrazioni dello Stato e degli enti da esse vigilati;  riferisce
al CIPE sull'attuazione del PNR; redige ogni  tre  anni  un  rapporto
sullo stato di attuazione del medesimo e sullo  stato  della  ricerca
nazionale; 
    bter) approva i programmi pluriennali degli enti di ricerca,  con
annesso finanziamento a  carico  dell'apposito  Fondo  istituito  nel
proprio   stato   di   previsione,   verifica   il   rispetto   della
programmazione triennale del fabbisogno di personale, approva statuti
e regolamenti  di  enti  strumentali  o  agenzie  da  esso  vigilate,
esercita le funzioni di cui all'articolo 8 nei confronti  degli  enti
non strumentali, con esclusione di ogni altro atto di controllo o  di
approvazione di determinazioni  di  enti  o  agenzie,  i  quali  sono
comunque tenuti a comunicare al Ministero i bilanci)); 
    c) procede alla  ripartizione  degli  stanziamenti  iscritti  nel
bilancio del ministero  destinati  alle  universita'  sulla  base  di
criteri oggettivi definiti con suo decreto, volti anche ad assicurare
un equilibrato sviluppo delle sedi universitarie, sentiti il CUN e la
Conferenza permanente dei rettori delle universita' italiane,  e  gli
enti di ricerca ((. . . )) ,  nel  rispetto  delle  previsioni  delle
leggi di settore; 
    ((d) riferisce al Parlamento  ogni  anno  in  apposita  audizione
sull'attuazione del PNR e sullo stato della ricerca nazionale)); 
    e) coordina le attivita' connesse alla partecipazione italiana  a
programmi  di  istruzione  universitaria  e  ricerca  scientifica   e
tecnologica comunitari ed internazionali, (( .  .  .  ))  nonche'  la
rappresentanza italiana in materia di istruzione universitaria  e  di
ricerca scientifica e tecnologica nelle sedi internazionali, d'intesa
con il Ministro degli affari esteri e, in quelle  comunitarie,  anche
con il Ministro per il coordinamento delle politiche comunitarie. Gli
accordi internazionali in materia di istruzione  universitaria  e  di
ricerca scientifica e tecnologica, che riguardano le  amministrazioni
dello Stato, le universita'  e  gli  enti  pubblici  di  ricerca  per
programmi di rilevanza nazionale e  internazionale,  sono  stipulati,
fatti salvi i principi di autonomia  di  cui  al  titolo  II,  previa
intesa con il ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e
tecnologica; 
    f) propone al Comitato interministeriale  per  la  programmazione
economica (CIPE) programmi di incentivazione e sostegno della ricerca
scientifica e tecnologica nel settore privato, ((. . . )); 
    ((g) coordina le funzioni relative all'Anagrafe  nazionale  delle
ricerche,  istituita  ai  sensi  dell'articolo  63  del  decreto  del
Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382, ridefinendone con
apposito  decreto  ministeriale  finalita'  ed   organizzazione,   ed
esercita altresi', nell'ambito di attivita' di ricerca scientifica  e
tecnologica, funzioni di supporto al monitoraggio e alla  valutazione
della ricerca, nonche' di previsione  tecnologica  e  di  analisi  di
impatto delle tecnologie;)) 
    h) assicura,  con  il  Ministro  della  pubblica  istruzione,  il
coordinamento fra l'istruzione universitaria e  gli  altri  gradi  di
istruzione universitaria e gli altri gradi di istruzione in Italia  e
nei rapporti comunitari, collabora alle iniziative  di  aggiornamento
del personale della scuola, ai sensi dell'articolo 4, e favorisce  la
ricerca in campo educativo. 
  2. Al Ministro e  al  Ministero  sono  trasferite  le  funzioni  in
materia di istruzione universitaria, ivi comprese quelle relative  ai
ruoli organici del personale  ad  esse  addetto,  nonche'  quelle  in
materia di ricerca scientifica e tecnologica, attribuite: 
    a) al Presidente e alla presidenza del Consiglio dei ministri; 
    b) al Ministro per  il  coordinamento  delle  iniziative  per  la
ricerca scientifica e tecnologica; 
    c) al Ministro e al Ministero della pubblica istruzione. 
  3. ((COMMA SOPPRESSO DAL D.LGS. 5 GIUGNO 1998, N. 204)).