LEGGE 9 gennaio 1989, n. 13

Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.

note: Entrata in vigore della legge: 10-2-1989 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 16/07/2020)
Testo in vigore dal: 17-7-2020
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2. 
 
  1. Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni da attuare
negli   edifici   privati   dirette   ad   eliminare   le    barriere
architettoniche di cui all'articolo 27, primo comma, della  legge  30
marzo 1971, n. 118, ed all'articolo 1, primo comma, del  decreto  del
Presidente della Repubblica  27  aprile  1978,  n.  384,  nonche'  la
realizzazione di percorsi attrezzati e l'installazione di dispositivi
di segnalazione atti a favorire la mobilita' dei  ciechi  all'interno
degli edifici privati, sono approvate dall'assemblea del  condominio,
in prima o in seconda convocazione, con le maggioranze  previste  dal
secondo comma dell'articolo 1120 del codice civile. ((Le  innovazioni
di cui al presente comma  non  sono  considerate  in  alcun  caso  di
carattere voluttuario ai sensi dell'articolo 1121, primo  comma,  del
codice civile. Per la loro realizzazione resta  fermo  unicamente  il
divieto di innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilita'
o alla sicurezza del fabbricato, di cui al quarto comma dell'articolo
1120 del codice civile.)) 
  2. Nel caso in cui il condominio rifiuti di assumere, o non  assuma
entro tre mesi dalla richiesta fatta per iscritto,  le  deliberazioni
di cui al comma 1, i portatori di handicap, ovvero chi ne esercita la
tutela o la potesta' di cui al titolo IX del libro primo  del  codice
civile, possono  installare,  a  proprie  spese,  servoscala  nonche'
strutture mobili e facilmente rimovibili e possono  anche  modificare
l'ampiezza delle porte d'accesso, al fine  di  rendere  piu'  agevole
l'accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garages. 
  3. Resta fermo quanto disposto dagli articoli 1120, secondo  comma,
e 1121, terzo comma, del codice civile.