LEGGE 29 gennaio 1986, n. 26

Incentivi per il rilancio dell'economia delle province di Trieste e Gorizia.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 10/10/1989)
Testo in vigore dal: 4-3-1986
attiva riferimenti normativi
                               Art. 8.

  1. Per l'acquisizione delle aree del comprensorio per l'area per la
ricerca  scientifica e tecnologica nella provincia di Trieste, di cui
all'articolo  12  del decreto del Presidente della Repubblica 6 marzo
1978,  n.  102,  si  applicano,  in deroga all'articolo 17 del codice
civile, le disposizioni previste per le universita' dall'articolo 11,
ottavo  comma,  del decreto-legge 1 ottobre 1973, n. 580, convertito,
con modificazioni, dalla legge 30 novembre 1973, n. 766, in relazione
all'articolo 38, ultimo comma, della legge 28 luglio 1967, n. 641.
  2.  Il  consorzio  di  cui  al  precedente  articolo  7, sentita la
comunita'   montana   del  Carso,  predispone  un  programma  per  la
progressiva   acquisizione  dei  terreni  prevedendo  anche  la  loro
graduale utilizzazione, in conformita' agli strumenti urbanistici del
comune di Trieste.
          Note all'art. 8, primo comma:
            -  Per  il testo dell'art. 12 del D.P.R. n. 102/1978 vedi
          nella nota all'art. 7 che precede.
            -  L'ottavo  comma  dell'art.  11  del  D.L. n. 580/1973,
          recante  misure  urgenti per l'Universita', prevede che per
          l'autorizzazione  all'acquisto  di  edifici  si applichi la
          norma  di  cui  all'art.  38,  ultimo comma, della legge 28
          luglio  1967,  n.  641.  L'ultimo  comma dell'art. 38 della
          legge   n.   641/1967   stabilisce   che   l'autorizzazione
          all'acquisto  di  aree  sia  data  alle Universita' ed alle
          istituzioni  di  cui  all'art.  42  (istituti  universitari
          statali,  istituti  scientifici  universitari  statali  con
          ordinamento speciale, anche per le cliniche universitarie e
          per  quelle  ubicate in reparti ospedalieri clinicizzati, e
          per  gli  edifici destinati agli impianti sportivi, collegi
          universitari   e   case   dello   studente   annessi   alle
          Universita',  ed  altri servizi assistenziali o sanatoriali
          universitari  anche consorziali, e osservatori astronomici,
          astrofisici,   geofisici   e   vulcanologici  statali)  dal
          prefetto senza limiti di valore.