LEGGE 27 febbraio 1985, n. 49

Provvedimenti per il credito alla cooperazione e misure urgenti a salvaguardia dei livelli di occupazione.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/12/2020)
Testo in vigore dal: 10-7-1986
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 20.

  1.  Le  disponibilita'  esistenti  sul  fondo di cui all'articolo 3
della   legge   12   agosto   1977,   n.   675,   per  effetto  anche
dell'autorizzazione  di  spesa  di  cui all'articolo 59 della legge 7
agosto 1982, n. 526, e all'articolo 19 della legge 26 aprile 1983, n.
130 (legge finanziaria 1983), sono ridotte di lire 180 miliardi. Tale
somma  sara'  versata  dal fondo all'entrata del bilancio dello Stato
entro trenta giorni dall'entrata in vigore della presente legge.
  2.  A  ciascuno  dei  fondi di cui ai precedenti articoli 1 e 17 e'
conferita  la  somma  di  lire  90  miliardi, cui si fa fronte con le
entrate di cui al precedente comma.
  3.  Il  Ministro del tesoro e' autorizzato ad apportare, con propri
decreti, le occorrenti variazioni di bilancio. ((1))
---------------
AGGIORNAMENTO (1)
  La Corte costituzionale, con sentenza 25 giugno - 1 luglio 1986, n.
165,   (in   G.U.   1a   s.s.   09/07/1986   n.   32)  ha  dichiarato
l'illegittimita' costituzionale del presente articolo "nella parte in
cui  la disciplina in esso prevista concerne la Regione Trentino-Alto
Adige".