LEGGE 13 agosto 1984, n. 469

Modifiche al decreto-legge 6 aprile 1983, n. 103, convertito, con modificazioni, nella legge 23 maggio 1983, n. 230, ed alla legge 17 febbraio 1981, n. 26, recanti misure per fronteggiare la situazione dei porti.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 18/12/1986)
Testo in vigore dal: 19-2-1985
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5.

  Ai  lavoratori  di  cui  al precedente articolo 4 e' corrisposto il
trattamento  massimo straordinario di integrazione salariale previsto
dalle vigenti disposizioni.
  Il  Ministro  del  lavoro  e  della  previdenza sociale adottera' i
conseguenti  provvedimenti  di  concessione del trattamento di cui al
precedente comma.
  Nei  confronti dei lavoratori predetti si applicano le disposizioni
di  cui al primo comma dell'articolo 4 della legge 20 maggio 1975, n.
164,  e successive modificazioni, all'articolo 5 del decreto-legge 30
marzo  1978,  n.  80,  convertito,  con modificazioni, nella legge 26
maggio 1978, n. 215, ed all'articolo 8 della legge 23 aprile 1981, n.
155.
  Alla  corresponsione  dell'indennita'  di  cui  al  primo comma del
presente  articolo  provvede  l'Istituto  nazionale  della previdenza
sociale   attraverso   la   separata  contabilita'  degli  interventi
straordinari,  istituita  in seno alla gestione ordinaria della cassa
integrazione guadagni per gli operai dell'industria.
  In  relazione  alle  operazioni  di  cui  ai  precedenti commi sono
disposti,  dal Ministero del tesoro, a favore dell'istituto nazionale
della  previdenza  sociale,  a  rimborso  delle  somme  dallo  stesso
erogate,(( contributi nella misura massima di lire 33.000 milioni per
l'anno 1985 e lire 36.000 milioni per l'anno 1986 )).