DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 gennaio 1976, n. 28

Disposizioni integrative e correttive del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 648, concernente riordinamento dei fondi di previdenza e armonizzazione delle tabelle dei tributi speciali.

Testo in vigore dal: 5-3-1976
attiva riferimenti normativi
                               Art. 5.
Rapporti  fra  fondo di previdenza e cassa sovvenzioni per il periodo
                   successivo al 31 dicembre 1972

  I  soci, nei confronti dei quali sussiste l'incompatibilita' di cui
al precedente art. 1, sono tenuti a restituire alla cassa sovvenzioni
le  somme eventualmente ricevute a titolo di sovvenzioni o di acconti
delle stesse, per effetto di cessazioni dal servizio successive al 31
dicembre 1972.
  Il  recupero  delle  somme di cui al precedente comma sara' operato
mediante  detrazione, da effettuare al lordo delle ritenute erariali,
dalle  somme  che a ciascuno dovranno essere corrisposte da parte del
fondo  di  previdenza  di  cui  all'art. 6 del decreto del Presidente
della  Repubblica  26  ottobre  1972,  n.  648,  quale  indennita' di
cessazione dal servizio.
  Il fondo di previdenza istituito dall'art. 6 del citato decreto del
Presidente della Repubblica n. 648 versera' alla cassa sovvenzioni di
cui  all'art.  1  del  presente  decreto  somme  d'importo  pari alle
detrazioni  operate,  ai sensi del comma precedente, sulle indennita'
spettanti  agli  iscritti  cessati dal servizio successivamente al 31
dicembre 1972. A tal fine, la cassa sovvenzioni dovra' trasmettere al
fondo  di previdenza appositi elenchi nominativi, dai quali risultino
le somme lorde e nette erogate per sovvenzioni, in favore di ciascuno
dei soci, successivamente alla data medesima.
  I  soci  di  cui al primo comma del presente articolo hanno diritto
all'indennita' di cui al precedente art. 3.