LEGGE 22 febbraio 1973, n. 27

Modificazioni alla legge 27 luglio 1967, n. 658, sulla previdenza marinara.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/10/1984)
Testo in vigore dal: 1-3-1980
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 14. 
 
  (Contributo dello Stato a favore dei marittimi adibiti alla pesca 
entro il Mediterraneo). 
 
  Il contributo straordinario a carico dello  Stato  di  lire  10.000
milioni, previsto, per il periodo 1967-1972, in favore dei  marittimi
adibiti alla pesca entro il  Mediterraneo,  dall'articolo  22,  terzo
comma, della legge 27 luglio 1967, n. 658,  modificato  dall'articolo
19 della legge  28  marzo  1968,  n.  479,  e'  concesso  alla  Cassa
nazionale  per  la  previdenza  marinara  anche  per  il   successivo
quinquennio 1973-77 ed e'  corrisposto,  in  ragione  di  lire  2.000
milioni, per ciascuno degli anni compresi nell'indicato  periodo.  Il
suddetto contributo e' elevato, per ciascun anno del biennio 1976-77,
a lire 2.400 milioni ed e' esteso in  favore  dei  marittimi  adibiti
alla pesca oltre gli stretti. 
  L'aliquota contributiva da applicarsi per la categoria  di  cui  al
precedente comma e per le  gestioni  assicurative  interessate  sara'
determinata, tenuto conto del concorso statale citato, con la forma e
le modalita' di cui all'articolo 7, secondo  comma,  della  legge  27
luglio 1967, numero 658. 
  All'onere di  lire  2.000  milioni  per  l'anno  finanziario  1973,
derivante allo Stato dall'applicazione del primo comma  del  presente
articolo,  si  provvede  mediante  corrispondente   riduzione   dello
stanziamento  del  capitolo  3523  dello  stato  di  previsione   del
Ministero del tesoro per l'anno finanziario medesimo, destinato a far
fronte agli oneri dipendenti da provvedimenti in corso. 
  Il Ministro per il tesoro e' autorizzato ad apportare  con  proprio
decreto le opportune variazioni di bilancio. (6) ((7)) 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (6) 
  Il D.L. 30 gennaio 1978, n.15, convertito con  modificazioni  dalla
L. 22 marzo 1978, n.75, ha disposto (con l'art. 1)  che  "Il  credito
contributivo di cui all'art. 1 del decreto-legge 7 febbraio 1977,  n.
15, convertito, con modificazioni, nella legge 7 aprile 1977, n.  102
ed alla legge 8 agosto 1977, n. 573, e' riconosciuto, fermo  restando
i limiti e le modalita' di applicazione, sino al 31  marzo  1978.  E'
prorogata, altresi',  sino  alla  stessa  data,  la  concessione  del
contributo a carico dello Stato a favore dei marittimi  adibiti  alla
pesca entro il Mediterraneo ed oltre gli stretti, di cui all'art.  14
della legge 22 febbraio 1973, n. 27, modificato  dall'art.  11  della
legge 14 maggio 1976, n. 389. Dal contributo stesso, determinato  per
il primo trimestre 1978 nella misura di 600  milioni  di  lire,  sono
esclusi i marittimi dipendenti dalle imprese di pesca che beneficiano
della riduzione contributiva di cui all'art. 17 del decreto-legge 2 
marzo 1974, n. 30, convertito nella legge 16 aprile 1974, n. 114." 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (7) 
  Il D.L. 30 dicembre 1979, n.663, convertito con modificazioni dalla
L. 29 febbraio 1980, n.33, ha disposto (con l'art. 22, comma  3)  che
"Il contributo a favore dei marittimi adibiti  alla  pesca  entro  il
Mediterraneo ed oltre gli stretti di cui all'art. 14 della  legge  22
febbraio 1973, n. 27, modificato dall'art. 11 della legge 14 maggio 
1976, n. 389, e' prorogato fino al 31 dicembre 1980."