LEGGE 25 maggio 1970, n. 352

Norme sui referendum previsti dalla Costituzione e sulla iniziativa legislativa del popolo.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/09/2021)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 7-8-1987
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 37. 
 
  Qualora il risultato del referendum sia favorevole  all'abrogazione
di una legge, o di un atto  avente  forza  di  legge,  o  di  singole
disposizioni di essi, il Presidente  della  Repubblica,  con  proprio
decreto, dichiara l'avvenuta abrogazione  della  legge,  o  dell'atto
avente forza di legge, o delle disposizioni suddette. 
  Il decreto e' pubblicato immediatamente  nella  Gazzetta  Ufficiale
della Repubblica e inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei
decreti della Repubblica italiana. 
  L'abrogazione ha effetto a decorrere dal giorno successivo a quello
della  pubblicazione  del  decreto  nella  Gazzetta   Ufficiale.   Il
Presidente della Repubblica  nel  decreto  stesso,  su  proposta  del
Ministro  interessato,  previa  deliberazione   del   Consiglio   dei
Ministri, puo' ritardare l'entrata in vigore della abrogazione per un
termine non superiore a 60 giorni  dalla  data  della  pubblicazione.
((3)) 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO(3) 
  La L. 7 agosto 1987, n. 332 ha disposto (con l'art. 2, comma 1) che
"In deroga a quanto previsto dall'articolo 37,  ultimo  comma,  della
legge 25 maggio 1970, n. 352,  il  Presidente  della  Repubblica,  su
proposta del Ministro interessato, previa deliberazione del Consiglio
dei Ministri, puo' ritardare  l'entrata  in  vigore  dell'abrogazione
delle  disposizioni  legislative  oggetto  dei  referendum   indicati
nell'articolo 1, per un termine non  superiore  a  centoventi  giorni
dalla  data  della  pubblicazione  nella  Gazzetta  Ufficiale   della
Repubblica italiana del decreto di cui  al  primo  comma  del  citato
articolo 37".