LEGGE 26 maggio 1969, n. 241

Agevolazioni di viaggio per le elezioni politiche, regionali, provinciali e comunali.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 11/04/2011)
Testo in vigore dal: 11-4-2011
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2. 
 
  Le facilitazioni per i viaggi sulle ferrovie dello  Stato  previste
dagli articoli 116 e 117 del sopra richiamato testo unico delle leggi
per l'elezione della Camera dei deputati sono estese anche ai  viaggi
via  mare  effettuati  dagli  elettori  partecipanti  alle   elezioni
politiche, regionali,  provinciali  e  comunali  con  i  mezzi  delle
societa' di navigazione concessionarie dei servizi da e per tutte  le
isole del territorio nazionale. 
((Per  i  viaggi  effettuati  con  il  mezzo  aereo  sul   territorio
nazionale, e'  riconosciuta  agli  elettori  un'agevolazione  per  il
viaggio di andata alla sede elettorale dove sono iscritti e  ritorno,
nella misura del 40 per cento  del  costo  del  biglietto.  L'importo
massimo rimborsabile non puo' essere  superiore  a  40  euro  per  il
viaggio di andata e ritorno per ogni elettore.)) 
  I noli introitati in meno dal vettore sono rimborsati dal Ministero
dell'interno e fanno carico sugli stanziamenti del relativo stato  di
previsione per le spese elettorali. (1) 
    

-------------
AGGIORNAMENTO (1)
  La  L. 27 dicembre 2001, n. 459 ha disposto (con l'art. 20 comma 1)
che  sono abolite le agevolazioni di viaggio previste dall'articolo 2
della legge 26 maggio 1969, n. 241, limitatamente alle elezioni della
Camera dei deputati e del Senato della Repubblica.