DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1965, n. 1124

Testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/06/2019)
vigente al 29/09/2020
Testo in vigore dal: 24-9-2015
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 54. 
 
  Il datore di lavoro,  anche  se  non  soggetto  agli  obblighi  del
presente titolo, deve,  nel  termine  di  due  giorni,  dare  notizia
all'autorita' locale di pubblica sicurezza  di  ogni  infortunio  sul
lavoro ((mortale o con prognosi superiore a trenta giorni)). ((70)) 
  La denuncia deve essere fatta all'autorita' di  pubblica  sicurezza
del Comune in cui  e'  avvenuto  l'infortunio.  Se  l'infortunio  sia
avvenuto in viaggio e in territorio straniero, la denuncia  e'  fatta
all'autorita' di  pubblica  sicurezza  nella  cui  circoscrizione  e'
compreso il primo lungo di fermata in territorio italiano, e  per  la
navigazione marittima e la pesca marittima la denuncia  e'  fatta,  a
norma del penultimo comma dell'art. 53,  alla  autorita'  portuale  o
consolare competente. 
  Gli uffici, ai quali e' presentata la denuncia, debbono rilasciarne
ricevuta e debbono tenere l'elenco degli infortuni denunciati. 
  La denuncia deve indicare: 
    1) il nome e  il  cognome,  la  ditta,  ragione  o  denominazione
sociale del datore di lavoro; 
    2) il luogo, il giorno e l'ora in cui e' avvenuto l'infortunio; 
    3) la natura e la causa accertata o presunta dell'infortunio e le
circostanze nelle quali esso si e' verificato, anche  in  riferimento
ad eventuali deficienze di misure di igiene e di prevenzione; 
    4) il nome e il cognome, l'eta',  la  residenza  e  l'occupazione
abituale della persona rimasta lesa; 
    5)  lo  stato   di   quest'ultima,   le   conseguenze   probabili
dell'infortunio e il tempo in cui sara' possibile  conoscere  l'esito
definitivo; 
    6)  il   nome,   il   cognome   e   l'indirizzo   dei   testimoni
dell'infortunio. 
  ((Per il datore di  lavoro  soggetto  agli  obblighi  del  presente
titolo, l'adempimento di cui al primo comma si  intende  assolto  con
l'invio all'Istituto assicuratore della denuncia di infortunio di cui
all'articolo 53 con modalita' telematica. Ai fini  degli  adempimenti
di  cui  al  presente  articolo,  l'Istituto  assicuratore  mette   a
disposizione,   mediante   la   cooperazione   applicativa   di   cui
all'articolo 72, comma 1, lettera e), del decreto legislativo 7 marzo
2005, n. 82, i dati relativi alle denunce degli infortuni  mortali  o
con prognosi superiore a trenta giorni.))((70)) 
 
                                                                 (57) 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (40) 
  La L. 28 dicembre 1993, n. 561 ha disposto (con l'art.  1  comma  1
lettera d) che "Non costituiscono reato e sono soggette alla sanzione
amministrativa del pagamento di una somma  di  denaro  le  violazioni
previste dalle seguenti disposizioni: articoli 53 e  54  del  decreto
del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n 1124, e  successive
modificazioni, in materia di denuncia di infortuni". 
------------- 
AGGIORNAMENTO (57) 
  Il D.L. 21 giugno 2013, n. 69, convertito con  modificazioni  dalla
L. 9 agosto 2013, n. 98, ha disposto (con l'art. 32, comma 6, lettera
a)) che "l'articolo 54 e' abrogato a  decorrere  dal  centottantesimo
giorno successivo alla data di entrata in vigore del decreto  di  cui
all'articolo 8, comma 4, del decreto legislativo 9  aprile  2008,  n.
81". 
  Ha inoltre disposto (con l'art. 32, comma 7) che "Le  modalita'  di
comunicazione  delle  disposizioni  di  cui  al   comma   6   trovano
applicazione a decorrere dal centottantesimo giorno  successivo  alla
data di entrata in vigore del decreto di cui all'articolo 8, comma 4,
del  decreto  legislativo  9  aprile  2008,  n.  81,   e   successive
modificazioni, che definisce le regole tecniche per la  realizzazione
e  il  funzionamento  del  Sistema  informativo  nazionale   per   la
prevenzione (SINP) nei luoghi di lavoro." 
------------- 
AGGIORNAMENTO (70) 
  Il D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 151 ha  disposto  (con  l'art.  21,
comma 2) che le presenti modifiche hanno efficacia  a  decorrere  dal
22/03/2016.