LEGGE 3 aprile 1958, n. 474

Provvedimenti perequativi in favore dei mutilati ed invalidi per servizio titolari di pensioni od assegni privilegiati ordinari, di pensioni speciali od eccezionali e loro congiunti in caso di morte.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 18/05/1974)
Testo in vigore dal: 12-6-1965
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5.

  I  mutilati  ed invalidi per servizio ed i congiunti dei caduti per
servizio  sono  parificati rispettivamente ai mutilati ed invalidi di
guerra  ed  ai congiunti dei caduti in guerra ai fini dell'ammissione
ai benefici stabiliti per queste categorie di cittadini.
  La  parificazione non ha effetto per quanto concerne il trattamento
di pensione.((1))
------------
AGGIORNAMENTO (1)
  La  L. 23 aprile 1965, n. 488 ha disposto (con l'art. 13) che "Sono
considerati  orfani  di  caduto per servizio, ai fini dell'articolo 5
della  legge  3  aprile  1958,  n.  474,  i  figli di coloro che sono
divenuti  inabili  al lavoro in seguito a lesioni o ad infermita' per
causa di servizio ordinario militare o civile alle dirette dipendenze
dello  Stato  e  degli  Enti  locali,  territoriali  e istituzionali,
purche'  detti  figli  siano  stati  concepiti prima del fatto che ha
prodotto la inabilita' del genitore e siano riconosciuti da esso".