LEGGE 18 marzo 1958, n. 349

Norme sullo stato giuridico ed economico degli assistenti universitari.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/07/1980)
Testo in vigore dal: 14-3-1967
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 13.

  Ai  posti  vacanti  di assistente ordinario puo' provvedersi, nelle
more del concorso, mediante incaricati.
  Alla  nomina  di incaricati puo' farsi luogo, altresi', nel caso in
cui  gli  assistenti  ordinari  siano  legittimamente  impediti  o si
trovino in congedo ai sensi dell'art. 8 della presente legge.
  Gli  incarichi  sono  conferiti  con  decreto  del  Ministro per la
pubblica  istruzione,  su  proposta  del  professore  ufficiale della
materia.
  L'incarico  cessa  col cessare della causa che ha dato luogo al suo
conferimento,  e comunque all'atto della copertura del corrispondente
posto di ruolo, ovvero al rientro in servizio del titolare sostituto.
La  retribuzione dell'assistente incaricato e' fissata in misura pari
allo stipendio previsto per il coefficiente 271 di cui al decreto del
Presidente   della  Repubblica  11  gennaio  1956,  n.  19.  In  casi
eccezionali,  da  valutarsi  di  volta  in  volta dal Ministro per la
pubblica istruzione, l'incarico di assistente puo' essere conferito a
persona che ricopra un ufficio con retribuzione a carico del bilancio
dello  Stato,  di  ente  pubblico  o  privato,  o comunque fruisca di
reddito di lavoro subordinato.(1)
  In tale caso la retribuzione e' ridotta al 50 per cento.
  I  posti  vacanti  di  assistente ordinario devono essere ricoperti
mediante  trasferimento  o  messi  a concorso al piu' tardi entro tre
anni dalla vacanza o dalla nuova istituzione.((3))
---------------
AGGIORNAMENTO (1)
  La  L.  26  gennaio 1962, n. 16 ha disposto (con l'art. 24 comma 1)
che "La presente legge ha effetto dal 1 novembre 1961".
  ---------------
  AGGIORNAMENTO (3)
  La  L.  24  febbraio 1967 n. 62 ha disposto (con l'art. 24 comma 1)
che  "In  esecuzione  di  accordi  culturali, debitamente ratificati,
possono  essere  conferiti  a  cittadini stranieri incarichi annuali,
rinnovabili,  negli  anni  successivi,  in  deroga  a quanto disposto
dall'ultimo comma dell'articolo 13 della legge 18 marzo 1958, n. 349,
in corrispondenza di posti di lettore di ruolo."