LEGGE 4 aprile 1952, n. 218

Riordinamento delle pensioni dell'assicurazione obbligatoria per l'invalidita', la vecchiaia e i superstiti.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/1999)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 2-4-1987
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4.

  A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, i
periodi   per   i   quali  e'  corrisposta  la  indennita'  ordinaria
dell'assicurazione   obbligatoria   contro   la  dissocupazione  sono
considerati  come  periodi  di contribuzione ai fini del diritto alla
pensione e della misura della pensione stessa.
  Per  detti  periodi si computera' come versato a favore dei singoli
assicurati   il   contributo  calcolato  sulla  me  dia  dei  singoli
contributi  effettivamente  versati  nella assicurazione obbligatoria
invalidita',  vecchiaia  e  superstiti  nell'ultimo  anno anteriore a
ciascun periodo di disoccupazione indennizzato.
  Per  la  copertura dell'onere relativo sara' annualmente trasferita
al  Fondo  assicurati  obbligatori e al Fondo per l'adeguamento delle
pensioni, di cui al successivo art. 14, una somma da determinarsi dal
Consiglio di amministrazione dell'Istituto nazionale della previdenza
sociale  sulla  base  delle  giornate  di disoccupazione indennizzate
complessivamente   accertate   nell'anno   e   del  contributo  medio
giornaliero  versato  nell'assicurazione obbligatoria e nel Fondo per
l'adeguamento delle pensioni per la generalita' degli assicurati.
  ((Per i tubercolotici regolarmente assicurati per l'invalidita', la
vecchiaia  ed  i superstiti, che possono far valere almeno un anno di
contribuzione   effettiva,   sono   considerati   come   periodi   di
contribuzione  effettiva,  ai  fini  del diritto e della misura della
pensione,  i  periodi  di degenza in regime sanatoriale, i periodi di
trattamento  post-sanatoriale,  di cura ambulatoriale e domiciliare e
di  godimento  dell'assegno di cura, o di sostentamento, sussidiabili
per  legge. Il suddetto "accredito figurativo" decorre dal 26 ottobre
1935,  giorno  di entrata in vigore del regio decreto-legge 4 ottobre
1935,  n.  1827,  concernente  il  "Perfezionamento  e  coordinamento
legislativo della previdenza sociale", convertito, con modificazioni,
nella legge 6 aprile 1936, n. 1155)).
  Sono  utili  tutti  i periodi di prestazione e di ricovero avvenuti
prima e dopo il pensionamento, senza limiti.
  La  misura  dei contributi da accreditare e' pari alla classe media
dei  contributi  effettivamente versati nell'anno precedente il primo
ricovero,  comunque  non  inferiore  alla classe 10° della tabella B,
allegata  al  decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1968,
n. 488.
  Le  pensioni,  le  ricostituzioni  ed  i  supplementi  di pensione,
definiti  precedentemente all'entrata in vigore della presente legge,
devono essere aggiornati e riliquidati a domanda dell'interessato.
  Per i periodi da computarsi come utili ai fini del comma precedente
e  per  la  copertura  del  conseguente onere a carico della gestione
dell'assicurazione  per la tubercolosi, si seguono gli stessi criteri
previsti nei commi secondo e terzo del presente articolo.