LEGGE 23 maggio 1950, n. 253

Disposizioni per le locazioni e sublocazioni di immobili urbani.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/04/1988)
Testo in vigore dal: 27-5-1950
                              Art. 30.

  Il  procedimento  innanzi  al  pretore per le controversie indicate
nell'articolo  precedente si inizia con ricorso, in calce al quale il
pretore fissa la data per la comparizione delle parti.
  Il  pretore  regola  il  procedimento  nel  modo  che  ritiene piu'
opportuno,  omessa ogni formalita' non essenziale al contraddittorio.
In  ogni  caso  si  osservano, in quanto applicabili, le disposizioni
degli articoli 291 e seguenti del Codice di procedura civile.
  Il  pretore  deve  assegnare  alle  parti  i termini per presentare
documenti  e memorie e per esporre le loro repliche. Le parti possono
comparire personalmente.
  Qualora siano necessari accertamenti tecnici, questi possono essere
richiesti   all'ufficio   del  Genio  civile  o  all'ufficio  tecnico
comunale.
  Il  pretore  prima  della  decisione puo' sentire congiuntamente in
qualita'  di  esperti  un  rappresentante dei proprietari di immobili
urbani  affittati  ed  un  rappresentante dei conduttori, che non sia
anche  proprietario  di  case, scelti entrambi dal pretore fra quelli
indicati  dal  presidente  del  tribunale  della circoscrizione in un
elenco di persone di indiscussa probita' e rettitudine.
  La   sentenza   deve  contenere  la  indicazione  delle  parti,  la
esposizione  sommaria  dei  motivi,  il  dispositivo,  la  data della
deliberazione e la sottoscrizione del pretore e del cancelliere.
  Il  pretore  puo'  concedere anche d'ufficio il patrocinio gratuito
alla parte che sia povera.
  Contro le decisioni del pretore che, per valore, sarebbero state di
competenza del conciliatore ed inappellabili a norma del quarto comma
dell'art.  339 del Codice di procedura civile e della legge 12 maggio
1949,  n.  273,  e' ammesso soltanto ricorso alla Corte di cassazione
per i motivi indicati nell'art. 360 dello stesso Codice.