LEGGE 5 giugno 1939, n. 973

Conversione in legge, con modificazioni, del R. decreto-legge 19 ottobre 1938-XVI, n. 1933, riguardante la riforma delle leggi sul lotto pubblico. (039U0973)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/07/1939
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 15-7-1939
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                      RE D'ITALIA E DI ALBANIA 
 
                        IMPERATORE D'ETIOPIA 
 
  Il Senato e la Camera dei Fasci e delle Corporazioni, a mezzo delle
loro Commissioni legislative, hanno approvato; 
 
  Noi abbiano sanzionato e promulghiamo quanto segue: 
 
                           Articolo unico. 
 
  E' convertito in legge il Regio decreto-legge 19 ottobre  1938-XVI,
n. 1933, riguardante la riforma delle leggi sul lotto  pubblico,  con
le seguenti modificazioni: 
 
  L'art. 14 e' sostituito dal seguente: 
 
  «Qualora tanto sulla matrice  che  sulla  figlia,  oppure  soltanto
sulla matrice  sia  omessa  l'indicazione  della  ruota,  la  giocata
s'intende fatta per la ruota di Roma. 
 
  «Qualora vi sia discordanza nella indicazione della  ruota  fra  la
matrice  e  la  figlia,  oppure  su  quest'ultima  sia  omessa   tale
indicazione, la giocata s'intende fatta  per  la  ruota  indicata  in
matrice». 
 
  All'art. 49, primo comma, n. 1, dopo la lettera e) e' aggiunto: 
 
  «d) non supera L. 45.000 L. 350 » la lettera d) diventa c). 
 
  Allo stesso art. 49, secondo comma, n. 2, dopo  la  lettera  e)  e'
aggiunta: 
 
  «f) non supera L. 50.000 L. 1100» la lettera f diventa g). 
 
  All'art. 54, primo  comma,  lettera  b)  dopo  le  parole:  «generi
alimentari», sono aggiunte le altre: «e generi». 
 
  All'art. 85 in fine del quarto comma, sono aggiunte le parole: «per
meta'; l'altra  meta'  di  dette  spese  sara'  a  carico  dell'aiuto
ricevitore». 
 
  Ordiniamo che la presente, munita  del  sigillo  dello  Stato,  sia
inserta nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del  Regno
d'Italia, mandando  a  chiunque  spetti  di  osservarla  e  di  farla
osservare come legge dello Stato. 
 
  Data a Roma, addi' 5 giugno 1939-XVII 
 
                          VITTORIO EMANUELE 
 
                                       Mussolini - Di Revel - Lantini 
 
  Visto, il Guardasigilli: Solmi