LEGGE 10 gennaio 1935, n. 112

Istituzione del libretto del lavoro. (035U0112)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/03/1935 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 22/12/2008)
Testo in vigore dal: 20-3-1935
al: 27-2-2001
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 6. 
 
  Il libretto, durante il  periodo  di  occupazione  del  lavoratore,
rimane depositato presso il datore di lavoro, fatta eccezione per  il
personale addetto ai lavori domestici al  quale  il  libretto  verra'
restituito dal datore di lavoro dopo averne presa visione. 
 
  All'atto della assunzione in servizio  il  datore  di  lavoro  deve
farsi consegnare il libretto dal  lavoratore  e  deve  verificare  se
detto libretto sia completo e formalmente regolare. 
 
  Tuttavia, quando il lavoratore venga assunto  per  un  periodo  non
superiore ad una settimana, e' in facolta' del datore di lavoro, dopo
aver presa visione del libretto ed aver constatato la sua integrita',
di lasciarlo in possesso del lavoratore. 
 
  Nel caso che il lavoratore presti la propria opera alla  dipendenza
di piu' datori di  lavoro,  il  libretto  dovra'  restare  depositato
presso uno dei datori di lavoro, mentre  gli  altri  dovranno  essere
muniti di una dichiarazione attestante detto deposito da  rilasciarsi
dal datore di lavoro che detiene il libretto. 
 
  Cessato il rapporto di lavoro, il datore di lavoro deve  consegnare
il libretto al lavoratore, che ne rilascera' ricevuta, non  oltre  il
giorno successivo alla cessazione del servizio. Il lavoratore  terra'
in  suo  possesso  il  libretto  per  tutto  il  periodo  della   sua
disoccupazione.