REGIO DECRETO 8 aprile 1863, n. 1234

Col quale sono autorizzati vari Comuni delle Provincie di Genova, Firenze e Novara ad assumere una nuova denominazione. (063U1234)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 31/05/1863
vigente al 30/09/2020
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 31-5-1863
attiva riferimenti normativi
 
                        VITTORIO EMANUELE II 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Sulla proposta del Nostro Ministro dell'Interno; 
 
  Viste le deliberazioni degli infrascritti Comuni delle Provincie di
Genova, Firenze e Novara; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  Sono autorizzati 
 
    1.° Il Comune di Borghetto (Provincia di  Genova,  Mandamento  di
Levante) ad assumere la denominazione di Borghetto di Para, giusta la
deliberazione 28 luglio 1862 di quel Consiglio comunale. 
 
    2.° Il Comune di Cairo (Genova) ad assumere la  denominazione  di
Cairo Montenotte, in conformita' della deliberazione 5 novembre  1862
di quel Consiglio comunale. 
 
    3.° Il Comune di Calice (id.) ad  assumere  la  denominazione  di
Calice Ligure,  giusta  la  deliberazione  26  luglio  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
    4.° Il Comune di Castiglione (id.) ad assumere  la  denominazione
di Castiglione Chiavarese, giusta la deliberazione 5 novembre 1862 di
quel Consiglio comunale. 
 
    5.° Il Comune di Casanova (id.) ad assumere la  denominazione  di
Casanova Lerrone, giusta la deliberazione  20  luglio  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
    6.° il Comune di Castelvecchio (id.) ad assumere la denominazione
di Castelvecchio di Rocca Barbena, giusta la deliberazione 20  luglio
1862 di quel Consiglio comunale. 
 
    7.° Il Comune di Celle (id.)  ad  assumere  la  denominazione  di
Celle Ligure,  giusta  la  deliberazione  3  novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
    8.° Il Comune di Cisano (id.) ad  assumere  la  denominazione  di
Cisano sul Neva, giusta  la  deliberazione  3  agosto  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
    9.° Il Comune di Coreglia (id.) ad assumere la  denominazione  di
Coreglia di Fontanabuona, giusta la deliberazione 23 novembre 1862 di
quel Consiglio comunale. 
 
   10.° Il Comune di Isola (Genova) ad assumere la  denominazione  di
Isola del Cantone, giusta la deliberazione 15 dicembre 1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   11.° Il Comune di Favale (id.) ad  assumere  la  denominazione  di
Favole di Malvaro, giusta la deliberazione 12 novembre 1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   12.° Il Comune di Martina (id.) ad assumere  la  denominazione  di
Martina Olba, giusta  la  deliberazione  25  novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   13.° il Comune di San Colombano (id.) ad assumere la denominazione
di San Colombano Certenoli, giusta la deliberazione 23 febbraio  1863
di quel Consiglio comunale. 
 
   14.° Il Comune di Monterosso (id.) ad assumere la denominazione di
Monterosso al Mare, giusta la deliberazione 21 settembre 1862 di quel
Consiglio comunale. 
 
   15.° Il Comune di Piana (id.)  ad  assumere  la  denominazione  di
Piana  Crixia,  giusta  la  deliberazione  30  agosto  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   16.° Il Comune di Pietra (id.) ad  assumere  la  denominazione  di
Pietra Ligure,  giusta  la  deliberazione  31  luglio  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   17.° Il Comune di Rivarolo (id.) ad assumere la  denominazione  di
Rivarolo Ligure, giusta la  deliberazione  5  ottobre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   18.° Il Comune di Ronco (id.)  ad  assumere  la  denominazione  di
Ronco Scrivia, giusta  la  deliberazione  26  ottobre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   19.°  Il  Comune  di   Sant'Ilario   (Genova)   ad   assumere   la
denominazione di' Sant'Ilario  Ligure,  giusta  la  deliberazione  12
novembre 1862 di quel Consiglio comunale. 
 
   20.° Il Comune di San Quirico (id.) ad assumere  la  denominazione
di S. Quirico  in  Val  di  Polcevera,  giusta  la  deliberazione  14
novembre 1862 di quel Consiglio comunale. 
 
   21.° Il Comune di  S.  Stefano  (id.  Mandamento  di  Sarzana)  ad
assumere  la  denominazione  di  San  Stefano  di  Magra,  giusta  la
deliberazione 21 settembre 1862 di quel Consiglio comunale. 
 
   22.° Il Comune di Ricco' (id.) ad  assumere  la  denominazione  di
Ricco' del Golfo di Spezia, giusta la deliberazione 8 agosto 1862  di
quel Consiglio comunale. 
 
   23.° Il Comune di Serra (id.)  ad  assumere  la  denominazione  di
Serra Ricco', giusta  la  deliberazione  11  novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   24.° Il Comune di Toro (id.) ad assumere la denominazione di  Toro
S. Giacomo, giusta la deliberazione di quel Consiglio comunale del  2
agosto 1862. 
 
   25.° Il Comune di Trebiano (id.) ad assumere la  denominazione  di
Trebiano Magra, giusta  la  deliberazione  27  luglio  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   26.° Il Comune di Vezzano (id.) ad assumere  la  denominazione  di
Vezzano Ligure, giusta la deliberazione  5  settembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   27.° Il Comune di Villanova (id.) ad assumere la denominazione  di
Villanova d'Albenga, giusta la deliberazione 20 luglio 1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   28.° Il Comune di Portico (Firenze) ad assumere  la  denominazione
di Portico di Romagna, giusta  la  deliberazione  di  quel  Consiglio
comunale 20 settembre 1862. 
 
   29.° Il Comune di Agrate (Novara) ad assumere la denominazione  di
Agrate Conturbia, giusta la deliberazione 29 novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   30.° Il Comune di Alzate (id.) ad  assumere  la  denominazione  di
Alzate  con  Linduno,  giusta  la  deliberazione  di  quel  Consiglio
comunale 51 ottobre 1862. 
 
   31.° Il Comune di Bellinzago (id.) ad assumere la denominazione di
Bellinzago Novarese, giusta la deliberazione 7 novembre 1862 di  quel
Consiglio comunale. 
 
   32.° Il Comune di Campiglia (id.) ad assumere la denominazione  di
Campiglia Cervo, giusta la deliberazione  25  ottobre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   33.° Il Comune di Carpignano (id.) ad assumere la denominazione di
Carpignano Sesia, giusta la deliberazione di quel Consiglio  comunale
1.° agosto 1862. 
 
   34.° Il Comune di Castellazzo (id.) ad assumere  la  denominazione
di Castellazzo Novarese, giusta la deliberazione 23 settembre 1862 di
quel Consiglio comunale. 
 
   35.° Il Comune di Casaleggio (id.) ad assumere la denominazione di
Casaleggio Novara, giusta la deliberazione di quel Consiglio comunale
26 ottobre 1862. 
 
   36.° Il Comune di Casanova (Novara) ad assumere  la  denominazione
di Casanova Elvo, giusta la deliberazione 15  ottobre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   37.° Il Comune di Cavaglio (id. Mandamento di Momo) ad assumere la
denominazione  di  Cavaglio  d'Agogna,  giusta  la  deliberazione  14
settembre 1862 di quel Consiglio comunale. 
 
   38.° Il Comune di Cerreto (id.) ad assumere  la  denominazione  di
Cerreto Castello, giusta la deliberazione di quel Consiglio  comunale
19 novembre 1862. 
 
   39.° Il Comune di Fara (id.) ad assumere la denominazione di  Fara
Novarese, giusta la  deliberazione  di  quel  Consiglio  comunale  12
settembre 1862. 
 
   40.° Il Comune di Fontanetto (id. Mandamento  di  Borgomanero)  ad
assumere  la  denominazione  di  Fontanetto   d'Agogna,   giusta   la
deliberazione 27 agosto 1862 di quel Consiglio comunale. 
 
   41.° Il Comune di Garbagna (id.) ad assumere la  denominazione  di
Garbagna Novarese, giusta la deliberazione di quel Consiglio comunale
del 25 novembre 1862. 
 
   42.° Il Comune di Livorno (id.) ad assumere  la  denominazione  di
Livorno Piemonte, giusta la deliberazione 25 novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   43.° Il Comune di Mandello (Novara) ad assumere  la  denominazione
di Mandello Vitta, giusta la deliberazione 12  agosto  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   44.° Il Comune di Marano ad assumere la  denominazione  di  Marano
Ticino, giusta la deliberazione di quel  Consiglio  comunale  del  29
ottobre 1862. 
 
   45.° Il Comune di Mezzana (id.) ad assumere  la  denominazione  di
Mezzana Mortigliengo, giusta la deliberazione  16  novembre  1862  di
quel Consiglio comunale. 
 
   46.° Il Comune di Orta (id.) ad assumere la denominazione di  Orta
Novarese, giusta la deliberazione 15 novembre 1862 di quel  Consiglio
comunale. 
 
   47.° Il Comune di Piane (id.)  ad  assumere  la  denominazione  di
Piane di Serravalle Sesia, giusta la deliberazione 23  novembre  1862
di quel Consiglio comunale. 
 
   48.° Il Comune di Prato (id.)  ad  assumere  la  denominazione  di
Prato Sesia, giusta la deliberazione 31 luglio 1862 di quel Consiglio
comunale. 
 
   49.° Il Comune di Ronco (id.)  ad  assumere  la  denominazione  di
Ronco Biellese, giusta la deliberazione di  quel  Consiglio  comunale
del 18 novembre 1862. 
 
   50.° Il Comune di Romagnano (id.) ad assumere la denominazione  di
Romagnano Sesia, giusta la deliberazione di quel  Consiglio  comunale
20 settembre 1862. 
 
   51.° Il Comune di Sagliano (id.) ad assumere la  denominazione  di
Sagliano-Micca, giusta la  deliberazione  28  ottobre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   52.° Il Comune di Sala (Novara) ad assumere  la  denominazione  di
Sala Biellese, giusta la  deliberazione  16  novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   53.° Il Comune di S. Giuseppe (id.) ad assumere  la  denominazione
di San Giuseppe di Casto, giusta la deliberazione 5 novembre 1862  di
quel Consiglio comunale. 
 
   54.° Il Comune di S. Germano (id.) ad assumere la denominazione di
S. Germano Vercellese, giusta  la  deliberazione  di  quel  Consiglio
comunale del 16 novembre 1862. 
 
   55.° Il Comune di Selve (id. Mandamento di Andorno  Cacciorna)  ad
assumere la denominazione di Selve Marcone, giusta la deliberazione 9
novembre 1862 di quel Consiglio comunale. 
 
   56.° Il Comune di S. Paolo (id.) ad assumere la  denominazione  di
San Paolo Cervo, giusta la deliberazione 18  novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   57.° Il Comune di Vaprio (id.) ad  assumere  la  denominazione  di
Vaprio Agogna, giusta la  deliberazione  30  novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   58.° Il Comune di Vergano (id.) ad assumere  la  denominazione  di
Vergano Novarese, giusta la deliberazione 20 novembre  1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   59. Il Comune di Vigliano (id.) ad assumere  la  denominazione  di
Pigliano Biellese, giusta la deliberazione 12 novembre 1862  di  quel
Consiglio comunale. 
 
   60.° Il Comune di Villanova (Novara) ad assumere la  denominazione
di Villanova Biellese, giusta la deliberazione  9  novembre  1862  di
quel Consiglio comunale. 
 
  Ordiniamo che il presente Decreto, munito del Sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato in Torino addi' 8 aprile 1863. 
 
                         VITTORIO EMANUELE. 
 
  Registrato alla Corte dei conti addi' 5 maggio 1863 
  Reg.° 25 Atti del Governo a c. 74. Ayres. 
  Luogo del Sigillo. V. Il Guardasigilli G. PISANELLI. 
 
                                                          U. PERUZZI.