DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2015, n. 148

Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00160)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 24/09/2015 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/05/2022)
Testo in vigore dal: 1-1-2022
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 23 
 
 
                            Contribuzione 
 
  1. E' stabilito un contributo ordinario nella misura dello 0,90 per
cento  della  retribuzione  imponibile  ai  fini  previdenziali   dei
lavoratori  per  i  quali  trova  applicazione  la  disciplina  delle
integrazioni salariali straordinarie, di cui 0,60 per cento a  carico
dell'impresa o del partito politico e 0,30 per  cento  a  carico  del
lavoratore. 
  ((1-bis. A decorrere dal 1° gennaio 2022, a carico  dei  datori  di
lavoro che, nel semestre precedente la data  di  presentazione  della
domanda, abbiano occupato mediamente  piu'  di  quindici  dipendenti,
nonche' dei datori di lavoro delle categorie di cui all'articolo  20,
comma 3-ter, e' stabilito un contributo ordinario nella misura  dello
0,90 per cento della retribuzione imponibile ai  fini  previdenziali,
di cui lo 0,30 per cento e' a carico del lavoratore)). 
  2. A carico delle imprese o dei  partiti  politici  che  presentano
domanda di  integrazione  salariale  straordinaria  e'  stabilito  il
contributo addizionale di cui all'articolo 5.