DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81

Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00095)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 25/06/2015 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 02/11/2022)
Testo in vigore dal: 17-11-2022
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2 
 
             Collaborazioni organizzate dal committente 
 
  1. A far data dal 1° gennaio 2016, si  applica  la  disciplina  del
rapporto di lavoro subordinato anche ai  rapporti  di  collaborazione
che si concretano in prestazioni di lavoro prevalentemente personali,
continuative e le cui modalita' di esecuzione  sono  organizzate  dal
committente. Le disposizioni di cui al presente  comma  si  applicano
anche qualora le modalita'  di  esecuzione  della  prestazione  siano
organizzate mediante piattaforme anche digitali. 
  2. La disposizione di cui al comma 1  non  trova  applicazione  con
riferimento: 
    a) alle  collaborazioni  per  le  quali  gli  accordi  collettivi
nazionali stipulati da associazioni sindacali  comparativamente  piu'
rappresentative sul piano nazionale prevedono  discipline  specifiche
riguardanti il trattamento economico e normativo,  in  ragione  delle
particolari  esigenze  produttive  ed  organizzative   del   relativo
settore; 
    b) alle collaborazioni  prestate  nell'esercizio  di  professioni
intellettuali per le quali e'  necessaria  l'iscrizione  in  appositi
albi professionali; 
    c) alle attivita' prestate nell'esercizio della loro funzione dai
componenti degli organi di amministrazione e controllo delle societa'
e dai partecipanti a collegi e commissioni; 
    d) alle collaborazioni rese a fini istituzionali in favore  delle
associazioni e  societa'  sportive  dilettantistiche  affiliate  alle
federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate  e
agli enti di promozione  sportiva  riconosciuti  dal  C.O.N.I.,  come
individuati e disciplinati dall'articolo 90 della legge  27  dicembre
2002, n. 289; (27) (30) ((43)) 
    d-bis) alle collaborazioni prestate nell'ambito della  produzione
e della realizzazione di spettacoli da parte delle fondazioni di  cui
al decreto legislativo 29 giugno 1996, n. 367. 
    d-ter)  alle  collaborazioni  degli  operatori  che  prestano  le
attivita' di cui alla legge 21 marzo 2001, n. 74. (10) (11) 
  3. Le parti possono richiedere alle commissioni di cui all'articolo
76  del  decreto  legislativo  10  settembre   2003,   n.   276,   la
certificazione dell'assenza dei requisiti  di  cui  al  comma  1.  Il
lavoratore   puo'    farsi    assistere    da    un    rappresentante
dell'associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato o da un
avvocato o da un consulente del lavoro. 
  4. La disposizione di cui al comma 1  non  trova  applicazione  nei
confronti delle  pubbliche  amministrazioni.  PERIODO  SOPPRESSO  DAL
D.LGS. 25 MAGGIO 2017, N. 75. 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (10) 
  Il D.L. 12 luglio 2018, n. 87, convertito con  modificazioni  dalla
L. 9 agosto 2018, n. 96, ha disposto (con l'art. 1, comma 2) che  "Le
disposizioni di cui al comma 1 si applicano ai contratti di lavoro  a
tempo determinato stipulati successivamente alla data di  entrata  in
vigore del presente decreto,  nonche'  ai  rinnovi  e  alle  proroghe
contrattuali successivi al 31 ottobre 2018". 
  Ha inoltre disposto (con l'art. 1, comma 3) che "Le disposizioni di
cui al presente articolo, nonche' quelle di cui agli articoli 2 e  3,
non   si   applicano   ai   contratti   stipulati   dalle   pubbliche
amministrazioni, ai quali continuano ad  applicarsi  le  disposizioni
vigenti anteriormente alla data di entrata  in  vigore  del  presente
decreto". 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (11) 
  Il D.L. 12 luglio 2018, n. 87, convertito con  modificazioni  dalla
L. 9 agosto 2018, n. 96, come modificato dalla L. 30  dicembre  2018,
n. 145, ha disposto (con l'art. 1, comma 3) che "Le  disposizioni  di
cui al presente articolo, nonche' quelle di cui agli articoli 2 e  3,
non   si   applicano   ai   contratti   stipulati   dalle   pubbliche
amministrazioni nonche' ai contratti di lavoro  a  tempo  determinato
stipulati  dalle  universita'  private,  incluse  le  filiazioni   di
universita'  straniere,  istituti  pubblici  di   ricerca,   societa'
pubbliche che promuovono  la  ricerca  e  l'innovazione  ovvero  enti
privati di ricerca e lavoratori  chiamati  a  svolgere  attivita'  di
insegnamento, di ricerca scientifica o tecnologica, di  trasferimento
di know-how, di supporto all'innovazione, di assistenza tecnica  alla
stessa  o  di  coordinamento  e  direzione  della  stessa,  ai  quali
continuano ad applicarsi le disposizioni vigenti  anteriormente  alla
data di entrata in vigore del presente decreto". 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (27) 
  Il D.Lgs. 28 febbraio 2021, n. 36 ha disposto (con l'art. 52, comma
1, lettera d)) che "A decorrere dal 1° luglio 2022 sono abrogati: 
  [...] d) l'articolo 2, comma 2, lettera d), del decreto legislativo
15 giugno 2015, n. 81". 
  Il D.Lgs. 28 febbraio 2021, n. 36,  come  modificato  dal  D.L.  22
marzo 2021, n. 41, ha disposto (con l'art. 51, comma  1)  che  "Fermo
restando quanto previsto dall'articolo 31, le disposizioni recate dal
presente decreto si applicano a decorrere dal  1°  gennaio  2022,  ad
esclusione di quelle di cui agli articoli 25, 26, 27, 28, 29, 30, 32,
33, 34, 35, 36, 37 che si applicano a decorrere dal 1° luglio 2022". 
  Il D.Lgs. 28 febbraio 2021, n. 36,  come  modificato  dal  D.L.  22
marzo 2021, n. 41, convertito con modificazioni dalla  L.  21  maggio
2021,  n.  69,  ha  disposto  (con  l'art.  51,  comma  1)  che   "Le
disposizioni recate dal presente decreto si applicano a decorrere dal
1° gennaio 2022, ad esclusione di quelle di cui agli articoli 25, 26,
27, 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35,  36  e  37  che  si  applicano  a
decorrere dal 31 dicembre 2023". 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (30) 
  Il D.Lgs. 28 febbraio 2021, n. 36,  come  modificato  dal  D.L.  25
maggio 2021, n. 73, convertito con modificazioni dalla L.  23  luglio
2021, n. 106, ha disposto: 
  - (con l'art. 52, comma 1) che l'abrogazione della lettera  d)  del
comma 2 del presente articolo e' prorogata dal 1° luglio 2022  al  1°
gennaio 2023; 
  - (con l'art. 51,  comma  1)  che  "Le  disposizioni  del  presente
decreto si applicano a decorrere dal 1° gennaio 2023,  ad  esclusione
delle disposizioni di cui agli articoli 10, 39 e 40 e del  titolo  VI
che si applicano a decorrere dal 1° gennaio 2022". 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (43) 
  Il D.Lgs. 28 febbraio 2021, n. 36, come  modificato  dal  D.Lgs.  5
ottobre 2022, n. 163  ha  disposto  (con  l'art.  51,  comma  3)  che
"All'articolo 2, comma 2, lettera  d),  del  decreto  legislativo  15
giugno 2015, n. 81,  le  parole  "dall'articolo  90  della  legge  n.
289/2002" sono sostituite dalle seguenti: "dal decreto legislativo 28
febbraio 2021, n. 36."".