DECRETO LEGISLATIVO 26 marzo 2010, n. 59

Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno. (10G0080)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 8/5/2010 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2018)
Testo in vigore dal: 14-9-2012
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 78 
                      (Attivita' di estetista) 
1. L'articolo 2 della legge 4 gennaio 1990, n. 1, e'  sostituito  dal
seguente: 
"Art. 2 
1. L'attivita' professionale di cui all'articolo 1 e'  esercitata  in
forma di impresa, individuale o  societaria,  ai  sensi  delle  norme
vigenti. Non e' consentito l'esercizio dell'attivita' ai soggetti non
iscritti all'Albo delle imprese artigiane di cui all'articolo 5 della
legge 8 agosto 1985, n. 443, o nel  Registro  delle  imprese  di  cui
all'articolo 8 della legge 29  dicembre  1993,  n.  580.  L'esercizio
dell'attivita' di estetista e' soggetto a dichiarazione di inizio  di
attivita' ai sensi dell'articolo 19, comma 2, secondo periodo,  della
legge 7 agosto 1990, n. 241, da presentare allo  sportello  unico  di
cui all'articolo 38  del  decreto  legge  25  giugno  2008,  n.  112,
convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 .". 
2. All'articolo 3 della legge 4 gennaio 1990, n. 1, prima del comma 1
e' inserito il seguente: 
"01. Per ogni sede dell'impresa dove viene esercitata l'attivita'  di
estetista deve essere designato, nella persona del  titolare,  di  un
socio partecipante al lavoro, di un familiare  coadiuvante  o  di  un
dipendente dell'impresa, almeno un responsabile tecnico  in  possesso
della   qualificazione   professionale.   Il   responsabile   tecnico
garantisce la propria presenza durante lo svolgimento delle attivita'
di estetica.". 
((3. Sono o restano abrogati l'articolo 4,  comma  1,  l'articolo  6,
comma 4, dalle parole: "prevedendo le relative  sessioni"  fino  alla
fine del precitato comma, e l'articolo 9, comma 1, limitatamente alle
parole: "in forma di imprese esercitate nella  medesima  sede  ovvero
mediante una delle forme  di  societa'  previste  dal  secondo  comma
dell'articolo 3 della legge 8 agosto 1985, n.  443",  della  legge  4
gennaio 1990, n. 1.))