DECRETO LEGISLATIVO 20 novembre 2008, n. 188

Attuazione della direttiva 2006/66/CE concernente pile, accumulatori e relativi rifiuti e che abroga la direttiva 91/157/CEE.

note: Entrata in vigore del provvedimento: 18/12/2008 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 12/09/2020)
Testo in vigore dal: 20-3-2016
aggiornamenti all'articolo
 
 
                              Art. 13. 
 
                            Finanziamento 
 
  1. Il finanziamento delle operazioni di raccolta, di trattamento  e
di riciclaggio dei rifiuti  di  pile  ed  accumulatori  di  cui  agli
articoli 6 e 7 e 10 e' a  carico  dei  produttori  o  dei  terzi  che
agiscono in loro nome. 
  2. Il Centro di coordinamento di cui all'articolo 16  definisce  le
modalita' di determinazione e di ripartizione dei finanziamenti delle
operazioni di raccolta, trattamento e riciclaggio, in funzione  anche
della  tipologia  delle   pile   e   degli   accumulatori   raccolti,
dell'ubicazione sul territorio dei punti di raccolta  e  della  quota
percentuale di raccolta separata effettuata, nonche' tenuto conto dei
ricavi derivanti dalla vendita dei metalli ottenuti dalle  operazioni
di trattamento e riciclaggio.  Dette  modalita'  sono  approvate  dal
Comitato di vigilanza e controllo di cui all'articolo 19. 
  3. I rifiuti  di  pile  e  accumulatori  raccolti  nell'ambito  dei
sistemi di cui ai decreti n. 151 del 2005 e  n.  209  del  2003  sono
rimossi dai rifiuti di apparecchiature elettriche ed  elettroniche  e
dai veicoli fuori uso presso gli  impianti  di  trattamento  di  tali
rifiuti e presi in carico dai produttori o dai terzi che agiscono  in
loro nome ai sensi del comma 1. 
  4. I produttori sono tenuti a sostenere i costi del funzionamento e
delle attivita' del Centro di coordinamento di cui all'articolo 16. 
  5. I costi della raccolta, del trattamento e  del  riciclaggio  non
sono indicati separatamente agli utilizzatori finali al momento della
vendita di nuove pile e accumulatori portatili. 
  6.  I  produttori  e  gli  utilizzatori  di  pile  e   accumulatori
industriali e per veicoli possono concludere accordi che stabiliscano
il ricorso a modalita' di finanziamento diverse da quelle di  cui  al
comma 1. 
  7. Il presente articolo si applica a tutti  i  rifiuti  di  pile  e
accumulatori, indipendentemente dalla data della loro immissione  sul
mercato. 
  8. L'obbligo di cui  al  comma  1  non  puo'  implicare  un  doppio
addebito per i produttori, nel caso di pile o  accumulatori  raccolti
conformemente alle disposizioni di cui ai decreti n. 209 del 2003 ((e
n. 49 del 2014.))