DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81

Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

note: Entrata in vigore del decreto: 15-5-2008. Le disposizioni di cui agli artt. 17, comma 1, lettera a), e 28, nonche' le altre disposizioni in tema di valutazione dei rischi che ad esse rinviano, ivi comprese le relative disposizioni sanzionatorie, previste dal presente decreto, diventano efficaci decorsi novanta giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale; fino a tale data continuano a trovare applicazione le disposizioni previgenti.Le disposizioni di cui al titolo VIII, capo IV entrano in vigore alla data fissata dal primo comma dell'articolo 13, paragrafo 1, della direttiva 2004/40/CE; le disposizioni di cui al capo V del medesimo titolo VIII entrano in vigore il 26 aprile 2010. (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/05/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 16-10-2013
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 73. 
              Informazione, formazione e addestramento 
 
  1. Nell'ambito degli obblighi di cui  agli  articoli  36  e  37  il
datore di lavoro provvede, affinche' per ogni attrezzatura di  lavoro
messa a disposizione, i lavoratori incaricati dell'uso dispongano  di
ogni necessaria informazione e istruzione e ricevano una formazione e
un addestramento adeguati, in rapporto alla sicurezza relativamente: 
    a) alle condizioni di impiego delle attrezzature; 
    b) alle situazioni anormali prevedibili. 
  2. Il datore di lavoro provvede altresi' a informare  i  lavoratori
sui rischi cui sono  esposti  durante  l'uso  delle  attrezzature  di
lavoro,  sulle  attrezzature   di   lavoro   presenti   nell'ambiente
immediatamente circostante, anche se da essi non usate  direttamente,
nonche' sui cambiamenti di tali attrezzature. 
  3.  Le  informazioni  e  le  istruzioni  d'uso   devono   risultare
comprensibili ai lavoratori interessati. 
  4. Il datore di lavoro provvede affinche' i  lavoratori  incaricati
dell'uso   delle   attrezzature   che   richiedono    conoscenze    e
responsabilita' particolari di cui all'articolo 71, comma 7, ricevano
una formazione, informazione ed addestramento adeguati  e  specifici,
tali da consentire l'utilizzo delle attrezzature  in  modo  idoneo  e
sicuro, anche in relazione ai rischi che possano  essere  causati  ad
altre persone. 
  5. In sede di Conferenza permanente per i rapporti  tra  Stato,  le
regioni  e  le  province  autonome  di  Trento  e  di  Bolzano   sono
individuate le attrezzature di lavoro per le quali e'  richiesta  una
specifica abilitazione degli operatori nonche' le  modalita'  per  il
riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata,
gli indirizzi ed i requisiti minimi di validita' della  formazione  e
le condizioni considerate equivalenti alla specifica abilitazione. 
  ((5-bis. Al fine di garantire la  continuita'  e  l'efficienza  dei
servizi di soccorso pubblico e di  prevenzione  ed  estinzione  degli
incendi, la formazione  e  l'abilitazione  del  personale  del  Corpo
nazionale dei vigili del fuoco all'utilizzo delle attrezzature di cui
al comma 5 possono essere effettuate direttamente dal Corpo nazionale
medesimo, con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili
a legislazione vigente.))