DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 52

Attuazione della direttiva 2003/122/CE Euratom sul controllo delle sorgenti radioattive sigillate ad alta attivita' e delle sorgenti orfane.

note: Entrata in vigore del provvedimento: 9/5/2007 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 12/08/2020)
Testo in vigore dal: 9-5-2007
al: 26-8-2020
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 15. 
Introduzione di sistemi diretti alla localizzazione e valutazione  di
                           sorgenti orfane 
 
  1. Il Ministero dell'interno, Dipartimento dei  vigili  del  fuoco,
del soccorso pubblico e della difesa civile, promuove  l'introduzione
di sistemi diretti al ritrovamento di  materiali  radioattivi  ed  in
particolare di sorgenti orfane nei principali nodi di transito, quali
le dogane, i grandi depositi di rottami e gli impianti di riciclaggio
dei rottami metallici. Resta fermo quanto previsto dall'articolo  157
del decreto legislativo n. 230 del 1995. 
  2. I sistemi per il rilevamento di materiali  radioattivi  dovranno
essere scelti e tarati in conformita' a riconosciute  norme  tecniche
nazionali ed internazionali. 
          Nota all'art. 15:
              - L'art.  157 del citato decreto legislativo n. 230 del
          1995, cosi' recita:
              «Art.  157  (Sorveglianza radiometrica su materiali). -
          1.  I  soggetti  che,  a  scopo  industriale o commerciale,
          compiono  operazioni  di  fusione  di  rottami  o  di altri
          materiali  metallici  di  risulta sono tenuti ad effettuare
          una  sorveglianza  radiometrica  sui  predetti  materiali e
          rottami,  al  fine  di  rilevare  la  presenza  in  essi di
          eventuali  sorgenti  dismesse.  Nel caso di ritrovamento si
          applica quanto disposto dall'art. 25, comma 3.
              2. Agli obblighi di cui al comma 1 sono altresi' tenuti
          i  soggetti  che esercitano attivita', a scopo commerciale,
          comportanti   la  raccolta  ed  il  deposito  dei  predetti
          materiali   e   rottami.  Sono  escluse  le  attivita'  che
          comportano esclusivamente il trasporto.
              3.  Con decreto del Ministro della sanita', di concerto
          con    i   Ministri   dell'industria,   del   commercio   e
          dell'artigianato,  del  lavoro e della previdenza sociale e
          dell'ambiente, sentita l'ANPA, sono stabilite le condizioni
          di  applicazione  del  presente articolo, indipendentemente
          dal  verificarsi  delle  condizioni  fissate ai sensi delle
          disposizioni di cui all'art. 1, e le eventuali esenzioni.».