DECRETO LEGISLATIVO 21 novembre 2005, n. 286

Disposizioni per il riassetto normativo in materia di liberalizzazione regolata dell'esercizio dell'attivita' di autotrasportatore.

note: Entrata in vigore del decreto: 24-1-2006 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 21/03/2022)
Testo in vigore dal: 10-11-2021
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 22. 
                           Codice unionale 
 
  1.  Ai  fini  del  possesso  della  carta  di  qualificazione   del
conducente da parte di titolare di patente  di  guida  rilasciata  in
Italia, la qualificazione iniziale e  la  formazione  periodica  sono
comprovate mediante l'apposizione sulla medesima patente  del  codice
unionale armonizzato "95", secondo le modalita' di cui ai commi  2  e
3. 
  2. In corrispondenza della categoria di patente di guida C1, C, C1E
ovvero CE posseduta dal conducente, deve essere  indicato  il  codice
unionale armonizzato 95, se il conducente ha conseguito la  carta  di
qualificazione del conducente per il trasporto di cose e la  data  di
scadenza  della  qualificazione  iniziale  ovvero  della   formazione
periodica. (6) 
  3. In corrispondenza della categoria di patente di guida D1, D, D1E
ovvero DE posseduta dal conducente, deve essere  indicato  il  codice
unionale armonizzato "95", se il conducente ha conseguito la carta di
qualificazione del conducente per il trasporto di persone e  la  data
di scadenza di validita' della qualificazione iniziale  ovvero  della
formazione periodica. (6) 
  3-bis.  La  qualificazione  iniziale  e  la  formazione   periodica
conseguite  in  Italia  ai  sensi  dell'articolo  21  da  conducenti,
titolari  di  patenti  di  guida  rilasciate  da  altri  Stati,  sono
comprovate dal rilascio, da parte dei competenti uffici del Ministero
delle infrastrutture e della mobilita' sostenibili, Dipartimento  per
i trasporti e la navigazione, del documento "carta di  qualificazione
del conducente formato card", conforme all'allegato II, sul quale, in
corrispondenza della patente di guida  posseduta,  per  la  quale  il
documento e' rilasciato, deve  essere  indicato  il  codice  unionale
armonizzato  "95"  e  la  data  di  scadenza   di   validita'   della
qualificazione iniziale e della formazione periodica per ciascun tipo
di abilitazione eventualmente posseduta. (6) 
  4. L'Italia riconosce la carta  di  qualificazione  del  conducente
rilasciata dagli altri Stati  membri  del-l'Unione  europea  o  dello
Spazio economico europeo. 
  5. Il rilascio della carta  di  qualificazione  del  conducente  e'
subordinata al possesso della patente di guida in corso di validita'. 
  6. I conducenti titolari di patente  di  guida  rilasciata  da  uno
Stato non appartenente all'Unione europea  o  allo  Spazio  economico
europeo, dipendenti, in qualita' di autista, da un'impresa  stabilita
in uno Stato membro,  comprovano  la  qualificazione  iniziale  e  la
formazione periodica per l'esercizio dell'attivita' professionale  di
guida per il trasporto di merci mediante: 
    a)  l'attestato  di  conducente  previsto  dal  regolamento  (CE)
1072/2009, recante il codice unionale armonizzato "95"; 
    b) la carta di qualificazione del  conducente,  rilasciata  dalla
Stato membro ove e' stabilita l'impresa, recante il  codice  unionale
armonizzato "95". ((PERIODO SOPPRESSO DAL. D.L. 10 SETTEMBRE 2021, N.
121, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA  L.  9  NOVEMBRE  2021,  N.
156)). (6) 
    6-bis. Gli attestati di conducente che non recano indicazione del
codice  "95"  dell'Unione  e  che   sono   stati   rilasciati   prima
dell'entrata  in  vigore  della   presente   disposizione   a   norma
dell'articolo 5  del  regolamento  (CE)  n.  1072/2009,  al  fine  di
certificare  la  conformita'  alle  prescrizioni   sulla   formazione
previste  dal  presente  decreto,  sono  accettati  come   prova   di
qualificazione fino al loro termine di scadenza. 
  7. I conducenti titolari di patente  di  guida  rilasciata  da  uno
Stato non appartenente all'Unione europea  o  allo  Spazio  economico
europeo, dipendenti, in qualita' di autista, da un'impresa  stabilita
in uno Stato membro , comprovano  la  qualificazione  iniziale  e  la
formazione periodica per l'esercizio dell'attivita' professionale del
trasporto di persone mediante il possesso di uno dei seguenti titoli: 
    a) la carta di qualificazione del  conducente,  rilasciata  dalla
Stato membro ove e' stabilita l'impresa, recante il  codice  unionale
armonizzato "95"; 
    b) certificato rilasciato da uno Stato membro, del quale l'Italia
abbia riconosciuto validita' su territorio nazionale a condizione  di
reciprocita'. (6) 
  7-bis. Non  si  applicano  i  criteri  di  propedeuticita'  di  cui
all'articolo 125, comma 1, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n.
285, e successive  modificazioni,  ed  e'  consentito  conseguire  la
patente di guida di  categoria  corrispondente  alla  patente  estera
posseduta, al dipendente,  in  qualita'  di  autista,  da  un'impresa
avente sede in Italia e  titolare  di  carta  di  qualificazione  del
conducente rilasciata in Italia per mera esibizione della patente  di
guida posseduta,  ovvero  a  seguito  di  qualificazione  iniziale  o
formazione periodica, che: 
    a) sia titolare di patente di guida rilasciata da uno  Stato  con
il quale non  sussistono  le  condizioni  di  reciprocita'  richieste
dall'articolo 136, comma 1, del decreto legislativo n. 285 del  1992,
e che ha stabilito la propria residenza in  Italia,  anche  oltre  il
termine di un anno di cui al comma 1 del predetto articolo 136; 
    b) sia  titolare  di  patente  rilasciata  da  uno  Stato  membro
dell'Unione europea, su conversione di patente  rilasciata  da  Stato
terzo con il quale  non  sussistono  le  condizioni  di  reciprocita'
richieste dall'articolo 136, comma 1, del decreto legislativo n.  285
del 1992, che scada di validita'. (6) 
  7-ter. All'atto del rilascio della patente, sulla stessa e' apposto
il codice unionale "95", secondo i criteri di cui ai commi 2 e 3,  in
relazione al tipo di abilitazione consentita dalla patente conseguita
ai  sensi  del  comma  7-bis,  nonche'  la  data  di  scadenza  della
qualificazione iniziale o della formazione periodica coincidente  con
quella della carta di qualificazione del  conducente  precedentemente
posseduta. (6) 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (6) 
  Il D. Lgs. 16 gennaio 2013, n. 2 ha disposto (con l'art. 13,  comma
1) che "Nel capo II del decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 286,
e successive  modificazioni,  ivi  compresi  negli  allegati  che  ne
costituiscono parte integrante, la parola "merci",  ovunque  ricorra,
e' sostituita dalla seguente: "cose"". 
  Ha inoltre disposto (con l'art. 24, comma 1) che  "Le  disposizioni
di cui al Capo II del presente decreto si applicano a far data dal 19
gennaio 2013, fatte salve le disposizioni  di  cui  all'articolo  21,
comma 1, lettere b), c) e  d),  che  si  applicano  a  decorrere  dal
novantesimo giorno successivo alla data  di  entrata  in  vigore  del
presente decreto".