DECRETO LEGISLATIVO 30 giugno 2003, n. 196

Codice in materia di protezione dei dati personali ((, recante disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento nazionale al regolamento (UE) n. 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonche' alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE)).

note: Entrata in vigore del decreto: 1-1-2004, ad eccezione delle disposizioni di cui agli artt. 156, 176, commi 3, 4 ,5 e 6, e 182 che entrano in vigore il 30/7/2003; dalla medesima data si osservano altresi' i termini in materia di ricorsi di cui agli artt. 149, comma 8, e 150, comma 2. (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 08/10/2021)
vigente al 28/11/2021
  • Allegati
Testo in vigore dal: 9-10-2021
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                             Art. 2-ter 
(Base giuridica per il trattamento di dati personali  effettuato  per
l'esecuzione  di  un  compito  di  interesse  pubblico   o   connesso
                 all'esercizio di pubblici poteri). 
 
  1. La base giuridica prevista dall'articolo 6, paragrafo 3, lettera
b), del regolamento e' costituita  esclusivamente  da  una  norma  di
legge o, nei casi previsti dalla legge, di regolamento. 
  ((1-bis.  Il  trattamento  dei   dati   personali   da   parte   di
un'amministrazione pubblica di  cui  all'articolo  1,  comma  2,  del
decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ivi comprese le  Autorita'
indipendenti  e  le  amministrazioni  inserite  nell'elenco  di   cui
all'articolo 1, comma 3,  della  legge  31  dicembre  2009,  n.  196,
nonche' da parte di una societa' a controllo pubblico statale di  cui
all'articolo 16 del decreto legislativo 19 agosto 2016, n.  175,  con
esclusione per le societa' pubbliche  dei  trattamenti  correlati  ad
attivita' svolte in regime di libero mercato, e' sempre consentito se
necessario per  l'adempimento  di  un  compito  svolto  nel  pubblico
interesse o per l'esercizio di pubblici poteri a essa attribuiti.  La
finalita' del trattamento, se non espressamente prevista da una norma
di legge o,  nei  casi  previsti  dalla  legge,  di  regolamento,  e'
indicata dall'amministrazione, dalla societa' a controllo pubblico in
coerenza al  compito  svolto  o  al  potere  esercitato,  assicurando
adeguata pubblicita' all'identita' del titolare del trattamento, alle
finalita'  del  trattamento  e  fornendo  ogni   altra   informazione
necessaria ad assicurare un trattamento corretto  e  trasparente  con
riguardo ai soggetti  interessati  e  ai  loro  diritti  di  ottenere
conferma e comunicazione di un trattamento di dati personali  che  li
riguardano.)) 
  2. La comunicazione fra titolari che effettuano trattamenti di dati
personali, diversi da quelli ricompresi nelle  particolari  categorie
di cui all'articolo 9 del Regolamento e di quelli relativi a condanne
penali  e  reati  di  cui  all'articolo  10  del   Regolamento,   per
l'esecuzione  di  un  compito  di  interesse  pubblico   o   connesso
all'esercizio di pubblici poteri e' ammessa se prevista ai sensi  del
comma 1 ((o se necessaria  ai  sensi  del  comma  1-bis)).  ((PERIODO
SOPPRESSO DAL D.L. 8 OTTOBRE 2021, N. 139)). 
  3. La diffusione e la comunicazione di dati personali, trattati per
l'esecuzione  di  un  compito  di  interesse  pubblico   o   connesso
all'esercizio di pubblici poteri, a soggetti che intendono  trattarli
per altre finalita' sono ammesse unicamente se previste ai sensi  del
comma 1 ((o se necessarie ai sensi del comma 1-bis)). 
  4. Si intende per: 
    a) "comunicazione", il dare conoscenza dei dati personali a uno o
piu'   soggetti    determinati    diversi    dall'interessato,    dal
rappresentante del titolare nel territorio dell'Unione  europea,  dal
responsabile o dal  suo  rappresentante  nel  territorio  dell'Unione
europea,  dalle   persone   autorizzate,   ai   sensi   dell'articolo
2-quaterdecies, al trattamento dei dati personali  sotto  l'autorita'
diretta del titolare o del responsabile, in  qualunque  forma,  anche
mediante la loro  messa  a  disposizione,  consultazione  o  mediante
interconnessione; 
    b) "diffusione", il dare conoscenza dei dati personali a soggetti
indeterminati, in qualunque forma, anche mediante  la  loro  messa  a
disposizione o consultazione.