DECRETO LEGISLATIVO 2 febbraio 2001, n. 31

Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualita' delle acque destinate al consumo umano.

note: Entrata in vigore del decreto: 18-3-2001 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 01/07/2021)
Testo in vigore dal: 17-1-2012
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5 
                 Punti di rispetto della conformita' 
 
  1. I valori di parametro  fissati  nell'allegato  I  devono  essere
rispettati nei seguenti punti: 
a) per le acque fornite attraverso una  rete  di  distribuzione,  nel
   punto di  consegna  ovvero,  ove  sconsigliabile  per  difficolta'
   tecniche o pericolo di inquinamento  del  campione,  in  un  punto
   prossimo della rete di distribuzione rappresentativo e  nel  punto
   in cui queste fuoriescono dai rubinetti utilizzati per il  consumo
   umano; 
b) per le acque fornite da una cisterna, nel punto in cui fuoriescono
   dalla cisterna; 
((c) per le acque  confezionate  in  bottiglie  o  contenitori,  rese
   disponibili  per  il  consumo  umano,  nel  punto  in   cui   sono
   imbottigliate o introdotte nei contenitori)); 
d) per le acque utilizzate nelle imprese alimentari, nel punto in cui
   sono utilizzate nell'impresa. 
  2. Nell'ipotesi di cui al comma 1, lettera a), si considera che  il
gestore abbia adempiuto agli obblighi  di  cui  al  presente  decreto
quando i valori di parametro fissati nell'allegato I sono  rispettati
nel punto di consegna, indicato all'articolo 2, comma 1, lettera  b).
Per gli edifici e le strutture in cui l'acqua e' fornita al pubblico,
il titolare ed il responsabile della gestione dell'edificio  o  della
struttura  devono  assicurare  che  i  valori  di  parametro  fissati
nell'allegato 1, rispettati nel punto di  consegna,  siano  mantenuti
nel punto in cui l'acqua fuoriesce dal rubinetto. 
  3. Fermo restando quanto stabilito al comma 2, qualora sussista  il
rischio che le acque di cui al comma 1, lettera a), pur  essendo  nel
punto  di  consegna  rispondenti  ai  valori  di  parametro   fissati
nell'allegato I, non siano  conformi  a  tali  valori  al  rubinetto,
l'azienda sanitaria locale  dispone  che  il  gestore  adotti  misure
appropriate per eliminare il rischio che le acque  non  rispettino  i
valori  di  parametro  dopo  la  fornitura.   L'autorita'   sanitaria
competente  ed  il  gestore,  ciascuno  per  quanto  di   competenza,
provvedono affinche'  i  consumatori  interessati  siano  debitamente
informati  e  consigliati  sugli  eventuali   provvedimenti   e   sui
comportamenti da adottare.