DECRETO LEGISLATIVO 23 maggio 2000, n. 164

Attuazione della direttiva n. 98/30/CE recante norme comuni per il mercato interno del gas naturale, a norma dell'articolo 41 della legge 17 maggio 1999, n. 144.

note: Entrata in vigore della legge: 21-6-2000 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 18/11/2022)
Testo in vigore dal: 24-6-2020
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 6 
Criteri e disciplina dell'accesso alle infrastrutture  minerarie  per
                           la coltivazione 
 
  1. I titolari di concessione di coltivazione di  idrocarburi  danno
accesso ai loro  gasdotti  di  coltivazione,  nonche'  alle  relative
infrastrutture minerarie e ai servizi connessi, sia in terraferma che
nel mare territoriale e nella piattaforma continentale  italiana,  ad
altri titolari di concessione di coltivazione  di  idrocarburi,  o  a
imprese  del  gas  naturale  che  ne  facciano  richiesta   ai   fini
dell'importazione,  esportazione  o  trasporto  del   gas   naturale.
L'accesso e' dovuto ove risultino verificate le seguenti condizioni: 
    a)  disponibilita'  della  relativa   capacita'   di   trasporto,
gestione, o trattamento, tenuto conto anche dei programmi di sviluppo
futuro dei giacimenti connessi ai gasdotti di coltivazione,  compresi
quelli con redditivita' economica marginale; 
    b) rispetto delle norme tecniche e minerarie vigenti in Italia; 
    c) compatibilita' della composizione chimica del gas  naturale  e
dei composti associati, e delle caratteristiche fisico-chimiche; 
    d) compatibilita' con le norme di sicurezza mineraria; 
    e) rispetto delle norme in  materia  fiscale  e  di  aliquote  di
prodotto della coltivazione dovute allo Stato. 
  2.  Con  decreto  del  Ministro  dell'industria,  del  commercio  e
dell'artigianato, da emanare entro sei mesi dalla data di entrata  in
vigore del presente decreto, sono  stabiliti  i  limiti  e  le  norme
tecniche per disciplinare l'accesso alle infrastrutture minerarie  di
cui al comma 1. 
  3. Ai fini della tutela del  giacimento  e  della  sicurezza  delle
lavorazioni, l'accesso alle infrastrutture minerarie di cui al  comma
1  e'  sottoposto  ad   autorizzazione   rilasciata   dal   Ministero
dell'industria, del commercio e dell'artigianato. 
  ((4. L'Autorita' di regolazione per  energia  reti  e  ambiente  e'
competente  a  risolvere  le  controversie,  anche  transfrontaliere,
relative all'accesso alle  infrastrutture  di  coltivazione  del  gas
naturale. In caso di controversie transfrontaliere  si  applicano  le
disposizioni sulla risoluzione delle controversie relative allo Stato
membro che ha giurisdizione sulla rete di  gasdotti  di  coltivazione
che nega l'accesso. Se, nelle controversie transfrontaliere, la  rete
interessata fa capo all'Italia e almeno ad  un  altro  Stato  membro,
l'Autorita' di regolazione per energia reti e  ambiente  si  consulta
con le competenti autorita' degli altri Stati membri  interessati  al
fine di garantire che le  disposizioni  della  direttiva  2009/73/CE,
come modificata  dalla  direttiva  2019/692/UE,  siano  coerentemente
applicate. Se la rete di gasdotti di coltivazione ha  origine  in  un
paese  terzo  e  si  collega  alla  rete  italiana,  l'Autorita'   di
regolazione per energia reti e ambiente si consulta con le  Autorita'
di regolazione degli Stati membri interessati e, nel  caso  il  primo
punto di ingresso verso la rete degli Stati  membri  sia  in  Italia,
consulta il paese terzo interessato in cui  ha  origine  la  rete  di
gasdotti di coltivazione al fine di garantire, per quanto concerne la
rete interessata, che la direttiva 2009/73/CE, come modificata  dalla
direttiva 2019/692/UE, sia  coerentemente  applicata  nel  territorio
degli Stati membri.)) 
  5. Nel caso di contitolarita' della concessione, tutti gli  effetti
derivanti dall'accesso di cui al comma 1 si  verificano  direttamente
in capo  ai  singoli  contitolari  in  ragione  delle  diverse  quote
detenute, non realizzandosi nella specie, anche ai fini  fiscali,  un
autonomo centro di imputazione di rapporti giuridici.