DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 1999, n. 112

Riordino del servizio nazionale della riscossione, in attuazione della delega prevista dalla legge 28 settembre 1998, n. 337.

note: Entrata in vigore del decreto: 1-7-1999 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2021)
Testo in vigore dal: 3-12-2005
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 59
                         Procedure in corso

  1.  Fermo  restando  quanto  previsto  dagli  articoli  60 e 61, le
domande di rimborso o di discarico per inesigibilita' giacenti presso
gli  enti  creditori  alla  data  di  entrata  in vigore del presente
decreto,  continuano  ad  essere  esaminate  ai sensi del decreto del
Presidente della Repubblica 28 gennaio 1988, n. 43.
  2.  Se  alla  data  di  entrata  in  vigore  del  presente decreto,
l'ufficio non ha fornito le indicazioni di cui all'articolo 79, comma
3,  del  decreto  del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1988, n.
43,  sui  verbali esibiti dal concessionario, quest'ultimo, se non ha
ancora  presentato  domanda  di  rimborso o di discarico, procede nei
confronti  del  debitore,  previo  accesso al sistema informativo del
Ministero delle finanze, eseguito ai sensi dell'articolo 18, comma 2,
del presente decreto.
  3.   Qualora   dall'accesso  di  cui  al  comma  2  non  emerga  la
possibilita' di procedere nell'azione esecutiva, il concessionario e'
autorizzato  a  presentare  documentata  domanda  di  rimborso  o  di
discarico, che e' esaminata ai sensi del decreto del Presidente della
Repubblica  28  gennaio 1988, n. 43. In caso contrario, nonche' nelle
ipotesi  in cui il concessionario non abbia richiesto il visto di cui
all'articolo 79, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica
28 gennaio 1988, n. 43, il concessionario procede in conformita' alle
disposizioni del presente decreto, nonche' del decreto del Presidente
della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602.
  4.  Per  le somme anticipate in forza dell'obbligo del non riscosso
come riscosso, decorsi sei mesi dalla presentazione della documentata
domanda di cui al comma 3 o della comunicazione di inesigibilita', il
concessionario ha diritto al rimborso provvisorio del 90 per cento di
tali somme.
  4-bis.  ((  COMMA  ABROGATO  DAL  D.L.  30  SETTEMBRE 2005, N. 203,
CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L. 2 DICEMBRE 2005, N. 248 )).
  4-ter. Per i ruoli resi esecutivi prima del 30 settembre 1999:
    a)  i  compensi  spettanti  ai  concessionari  sulla  base  delle
disposizioni  in  vigore  alla data del 30 giugno 1999 sono aumentati
nella misura prevista dall'articolo 17, comma 2;
    b) non si applica l'articolo 19, comma 2, lettera a);
    c)  il  termine  previsto  dall'articolo 19, comma 2, lettera b),
secondo  periodo,  decorre  dalla  data  stabilita  con  decreto  del
Ministero delle finanze;
    d) LETTERA ABROGATA DAL D.L. 29 NOVEMBRE 2004, N. 282, CONVERTITO
CON MODIFICAZIONI DALLA L. 27 DICEMBRE 2004, N. 307
    e)  le  informazioni  di  cui  all'articolo  36,  comma  1,  sono
trasmesse  con  le  modalita' e nei tempi stabiliti con il decreto di
cui alla lettera c).
  ((  4-quater.  Per  i  ruoli  consegnati  fino al 30 giugno 2003 la
comunicazione  di  inesigibilita'  di  cui  all'articolo 19, comma 2,
lettera c), e' presentata entro il 30 giugno 2006. ))
  4-quinquies.  Per  le  comunicazioni  di inesigibilita' relative ai
ruoli  di cui al comma 4-quater il termine previsto dall'articolo 19,
comma 3, decorre dal (( 1° luglio 2006. ))
----------------
AGGIORNAMENTO (5)
  Il  D.L.  29  novembre  2004,  n. 282, convertito con modificazioni
dalla  L.  27 dicembre 2004, n. 307, ha disposto (con l'art. 2, comma
1)  che  "In  relazione al differimento previsto dal comma 1, per gli
anni  2004  e  2005  e'  soppressa  l'autorizzazione  di spesa di cui
all'articolo 59, comma 4-bis, del decreto legislativo 13 aprile 1999,
n. 112."