DECRETO LEGISLATIVO 24 febbraio 1998, n. 58

Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52.

note: Entrata in vigore del decreto: 1-7-1998 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 02/09/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 30-11-2021
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 8 
                       Doveri informativi (73) 
 
  1. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 3 AGOSTO 2017, N. 129. (73) 
  1-bis. Gli OICR che investono in crediti partecipano alla  Centrale
dei Rischi della Banca d'Italia, secondo quanto stabilito dalla Banca
d'Italia. La Banca d'Italia puo' prevedere che la partecipazione alla
centrale dei rischi avvenga per il tramite di banche  e  intermediari
iscritti all'albo di cui all'articolo 106. 
  1-ter. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 3 AGOSTO 2017, N. 129. (73) 
  2. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 3 AGOSTO 2017, N. 129. (73) 
  3. Il collegio sindacale informa senza indugio la Banca d'Italia  e
la CONSOB di tutti gli atti o i fatti,  di  cui  venga  a  conoscenza
nell'esercizio   dei   propri   compiti,   che   possano   costituire
un'irregolarita' nella gestione ovvero una violazione delle norme che
disciplinano l'attivita' delle SIM, delle societa'  di  gestione  del
risparmio, delle Sicav o delle Sicaf. A tali fini  lo  statuto  delle
SIM, delle societa' di gestione del risparmio, delle  Sicav  o  delle
Sicaf, indipendentemente dal sistema di amministrazione  e  controllo
adottato, assegna all'organo che svolge la funzione  di  controllo  i
relativi compiti e poteri. 
  4. I soggetti incaricati della revisione  legale  dei  conti  delle
SIM, delle societa' di gestione del risparmio, delle Sicav o  ((delle
Sicaf o delle societa' poste al  vertice  di  gruppi  individuati  ai
sensi dell'articolo 11 comunicano)) senza indugio alla Banca d'Italia
e alla  CONSOB  gli  atti  o  i  fatti,  rilevati  nello  svolgimento
dell'incarico, che possano  costituire  una  grave  violazione  delle
norme disciplinanti l'attivita' delle societa' sottoposte a revisione
ovvero  che  possano  pregiudicare  la  continuita'  dell'impresa   o
comportare un giudizio  negativo,  un  giudizio  con  rilievi  o  una
dichiarazione di impossibilita' di esprimere un giudizio sui  bilanci
o sui prospetti periodici degli OICR. 
  5. I commi 3, primo periodo, e 4 si applicano anche all'organo  che
svolge  funzioni  di  controllo  ed  ai  soggetti  incaricati   della
revisione legale dei conti presso le societa' che controllano le SIM,
le societa' di gestione del risparmio, le Sicav o le Sicaf o che sono
da queste controllate ai  sensi  dell'articolo  23  del  testo  unico
bancario. 
  5-bis. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 3 AGOSTO 2017, N. 129. (73) 
  6.  I  commi  3,  4,  ((5  e  6-bis  si  applicano))  alle   banche
limitatamente alla prestazione  dei  servizi  e  delle  attivita'  di
investimento. (73) 
  ((6-bis. La  Banca  d'Italia  e  la  Consob,  nell'esercizio  delle
rispettive competenze e sentita l'altra autorita',  possono  disporre
la rimozione dall'incarico del soggetto  incaricato  della  revisione
legale dei conti o del responsabile dell'incarico di revisione legale
della Sim, della societa' di gestione  del  risparmio,  della  Sicav,
della Sicaf o della societa' posta al vertice del gruppo  individuato
ai sensi dell'articolo  11,  qualora  il  soggetto  incaricato  della
revisione legale dei conti abbia violato gli  obblighi  previsti  dal
comma 4. Il presente comma non si applica  ai  soggetti  indicati  al
comma 5.)) 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (73) 
  Il D.Lgs. 3 agosto 2017, n. 129 ha disposto (con l'art.  10,  comma
2) che "Le disposizioni del decreto legislativo 24 febbraio 1998,  n.
58, modificate dal presente decreto, si applicano dal 3 gennaio 2018,
fatto salvo  quanto  diversamente  previsto  dall'articolo  93  della
direttiva 2014/65/UE, con riferimento dell'articolo 65, paragrafo  2,
della direttiva medesima, le cui disposizioni attuative si  applicano
dal 3 settembre 2019, e dall'articolo  55  del  regolamento  (UE)  n.
600/2014, e successive modificazioni,  nonche'  dal  comma  3.  [...]
Fermo restando quanto previsto dalle disposizioni dell'Unione europea
direttamente  applicabili,  le  disposizioni  emanate   dalla   Banca
d'Italia  e  dalla  Consob,  anche  congiuntamente,   ai   sensi   di
disposizioni  del  decreto  legislativo  24  febbraio  1998,  n.  58,
abrogate o modificate  dal  presente  decreto,  continuano  a  essere
applicate fino alla data  di  entrata  in  vigore  dei  provvedimenti
emanati dalla Banca d'Italia  o  dalla  Consob  nelle  corrispondenti
materie".