DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446

Istituzione dell'imposta regionale sulle attivita' produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'Irpef e istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonche' riordino della disciplina dei tributi locali.

note: Entrata in vigore della legge: 1-1-1998 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2020)
Testo in vigore dal: 12-12-2017
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 12. 
Determinazione del valore della produzione netta realizzata fuori dal
         territorio dello Stato o da soggetti non residenti. 
 
  1. Nei confronti dei  soggetti  passivi  residenti  nel  territorio
dello Stato che esercitano attivita' produttive anche  all'estero  la
quota di valore a  queste  attribuibili  secondo  i  criteri  di  cui
all'articolo  4,  comma  2,  e'  scomputata  dalla  base   imponibile
determinata a norma degli articoli da 5 a 10-bis. (8) 
  2. Nei confronti dei soggetti passivi non residenti nel  territorio
dello Stato si considera prodotto nel  territorio  della  regione  il
valore derivante dall'esercizio di attivita' commerciali, di  arti  o
professioni o da attivita' non commerciali esercitate nel  territorio
stesso per un periodo di tempo non  inferiore  a  tre  mesi  mediante
stabile organizzazione, base fissa o  ufficio.  Qualora  le  suddette
attivita' o imprese siano esercitate nel territorio di  piu'  regioni
si applica la disposizione dell'articolo 4, comma 2. (52) 
  2-bis. Il valore della produzione netta derivante  da  una  stabile
organizzazione e' determinato sulla base di  un  apposito  rendiconto
economico e patrimoniale, da redigersi secondo i  principi  contabili
previsti per i soggetti residenti aventi le medesime caratteristiche,
salva quella della emissione di  strumenti  finanziari  ammessi  alla
negoziazione in  mercati  regolamentati  di  qualsiasi  Stato  membro
dell'Unione  europea  ovvero  diffusi  tra   il   pubblico   di   cui
all'articolo  116  testo  unico  delle  disposizioni  in  materia  di
intermediazione  finanziaria,  di  cui  al  decreto  legislativo   24
febbraio 1998, n. 58. A  tali  fini,  si  applicano  le  disposizioni
dell'articolo 152,  comma  2,  del  testo  unico  delle  imposte  sui
redditi, approvato con decreto del  Presidente  della  Repubblica  22
dicembre 1986, n. 917. (50) 
  3. Le persone fisiche e gli altri soggetti passivi  si  considerano
residenti nel territorio dello Stato quando ricorrono le  condizioni,
rispettivamente applicabili, previste negli articoli 2, comma  2,  5,
comma 3, lettera d), e 87, comma 3, del testo unico delle imposte sui
redditi, approvato con decreto del  Presidente  della  Repubblica  22
dicembre 1986, n. 917. Se  il  soggetto  passivo  esercita  attivita'
produttive mediante l'utilizzazione di navi iscritte nel registro  di
cui all'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 30 dicembre  1997,  n.
457, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 1998,  n.
30, la quota di valore a queste  attribuibile,  determinata  a  norma
dell'articolo 5, e' scomputata dalla base imponibile. ((55)) 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (8) 
  Il D.Lgs. 30 dicembre 1999, n. 506 ha disposto (con l'art. 3, comma
1) che "Le modificazioni apportate dall'articolo 1, comma 1,  lettere
da a) a r), si applicano a decorrere dal periodo d'imposta  in  corso
alla data di emanazione del presente decreto,[. . .]." 
----------- 
AGGIORNAMENTO (50) 
  Il D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 147  ha  disposto  (con  l'art.  7,
comma 4) che la presente modifica si applica a decorrere dal  periodo
di imposta successivo a quello in  corso  alla  data  di  entrata  in
vigore del D.Lgs. medesimo. 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (52) 
  La L. 28 dicembre 2015, n. 208, ha disposto (con  l'art.  1,  comma
72) che "Le disposizioni del comma 70 si applicano  a  decorrere  dal
periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2015". 
------------ 
AGGIORNAMENTO (55) 
  La L. 20 novembre 2017, n. 167 ha disposto (con l'art. 10, comma 1)
che "Dal periodo d'imposta a decorrere dal quale entra in  vigore  il
decreto di cui al comma 3  del  presente  articolo,  le  disposizioni
dell'articolo  4  del  decreto-legge  30  dicembre  1997,   n.   457,
convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 1998,  n.  30,
dell'articolo 12, comma 3, del decreto legislativo 15 dicembre  1997,
n. 446, e dell'articolo 155, comma 1, del testo unico  delle  imposte
sui redditi, di cui al decreto del  Presidente  della  Repubblica  22
dicembre 1986, n. 917, si applicano anche ai soggetti residenti e  ai
soggetti non residenti aventi stabile organizzazione  nel  territorio
dello Stato che utilizzano navi  adibite  esclusivamente  a  traffici
commerciali  internazionali  iscritte  nei   registri   degli   Stati
dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo". 
  Ha inoltre disposto (con l'art. 10, comma 2) che  "Le  disposizioni
del comma 1 del presente articolo si applicano a condizione  che  sia
rispettato quanto previsto  dagli  articoli  1,  comma  5,  e  3  del
decreto-legge   30   dicembre   1997,   n.   457,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 27 febbraio 1998, n. 30, dall'articolo 317
del codice della navigazione e dall'articolo 426 del regolamento  per
l'esecuzione del codice della navigazione (navigazione marittima), di
cui al decreto del Presidente della Repubblica 15 febbraio  1952,  n.
328".